Enna, il 2 dicembre si è svolto presso l’Ordine degli Architetti il seminario di formazione “Architettura e paesaggio agricolo”

Condividi l'articolo su:

Si è svolto venerdì 2 dicembre presso la sede dell’Ordine degli Architetti P. P. C. di Enna il seminario di formazione “Architettura e paesaggio agricolo” all’interno del quale si è presentato il libro “Vita nei campi– dieci progetti per il paesaggio agricolo dei Monti Erei – di Fabio Guarrera, ed. Libria, 2022”.

Il seminario, che ha avuto una grande partecipazione, è stato aperto dal presidente dell’Ordine degli Architetti P. P. C. di Enna, Sebastiano Fazzi che ha presentato il Prof. Fabio Guarrera, autore del libro e docente dell’Università degli Studi di Palermo, e i due relatori Prof.ssa Luciana Macaluso dell’Università degli Studi di Palermo e l’arch. Phd Alessandro Mauro dell’Accademia Abadir, ed ha introdotto i temi del seminario.

L’importanza e la contemporaneità dei temi trattai hanno fatto scaturire un dibattito che ha stimolato la promozione e la divulgazione di buone pratiche per le azioni che dovranno intraprendersi nel territorio.

Il libro è da intendere come ricerca fotografica e progettuale elaborata dall’architetto di origini assorine Fabio Guarrera, ricercatore e docente presso il Dipartimento di Architettura dell’Università degli Studi di Palermo e si propone di analizzare l’architettura e i “caratteri essenziali” del paesaggio agricolo dei Monti Erei con lo scopo di comprenderne il valore paesistico e di estrapolarne i principi insediativi e tipologici riconosciuti come “invarianti formali” del territorio in esame. Il titolo fa chiaro riferimento alla raccolta di novelle Vita dei Campi di Giovanni Verga, ambientate in quella «landa desolata» quale è l’entroterra siciliano; un luogo del quale lo scrittore catanese esalta ed elabora, con una prosa strutturata su parole, giri sintattici e ritmi dialettali, gli aspetti mitici e tipici della millenaria cultura contadina siciliana. Un atteggiamento compositivo, quello sperimentato dal Verga, che fornisce una chiave interpretativa ai progetti architettonici elaborati da Guarrera e raccolti all’interno del volume, ispirati anch’essi dall’osservazione diretta della tradizione costruttiva contadina ed elaborati, al presente, con spirito di rinnovamento tipologico e figurativo.

Il consiglio dell’Ordine è stato gratificato dall’entusiasmo mostrato dai colleghi presenti per quanto organizzato, un’occasione che, oltre a servire da stimolo per l’attività professionale, si è rivelata come evento di “unione” tra la professione, il territorio e la società.

 


Condividi l'articolo su: