Enna, il 28 maggio si è svolto il convegno “La nuova identità del lavoro nel nuovo CCNL Pubblici esercizi, ristorazione e turismo”

Condividi l'articolo su:

Grande partecipazione di pubblico al convegno “La nuova identità del lavoro nel nuovo CCNL Pubblici esercizi, ristorazione e turismo”, organizzato da Confcommercio Imprese per l’Italia della provincia di Enna con il patrocinio dell’Ordine dei Dottori Commercialisti e dell’Ordine dei Consulenti del Lavoro di Enna e tenutosi lo scorso 28 maggio; ottima occasione per spiegare nel dettaglio, direttamente sul territorio, i contenuti del nuovo CCNL e cosa comporterà per i lavoratori del settore. Inoltre è stato presentato un quadro aggiornato dei dati occupazionali relativi ai lavoratori dipendenti nella provincia di Enna.

Dopo i saluti ai partecipanti del vice Presidente Vicario di Confcommercio Enna Salvatore Catania e del Coordinatore Regionale del Sistema 50&Più Sicilia Rosario Paternicò, il Direttore di Confcommercio Enna Gianluca Speranza ha moderato la tavola rotonda alla quale hanno partecipato  il Direttore nazionale della FIPE Roberto Calugi, il Responsabile Relazioni Sindacali Fipe-Confcommercio Silvio Moretti, il Segretario Regionale Uiltucs UIL Marianna Flauto, il Segretario Regionale Filcams CGIL Salvatore Leonardi, il Segretario Regionale Fisascat CISL Domenica Calabrò, il Presidente dell’Ordine dei Dottori Commercialisti di Enna Fabio Montesano e il Presidente dell’Ordine dei Consulenti del Lavoro di Enna Giuseppe Pintus.

Il nuovo CCNL si rivolge in particolare a bar, ristoranti, trattorie, pizzerie, pub, mense scolastiche ospedaliere e aziendali, grandi aziende della ristorazione commerciale multi localizzata, imprese della ristorazione collettiva, cooperative della ristorazione, stabilimenti balneari, discoteche, sale giochi. Tra i punti principali dell’accordo figurano un aumento in busta paga di 100 euro a regime, rafforzamento dell’assistenza sanitaria integrativa, durata quadriennale e importanti innovazioni mirate al recupero di produttività.

 


Condividi l'articolo su:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *