Enna, si chiude l’ottava edizione di “Voci di Sicilia” con il trionfo della compagnia “I Guitti”

Condividi l'articolo su:

Con il doppio appuntamento di “Tante donne e un libertino”, spettacolo andato in scena sabato e domenica scorsi, è calato il sipario sull’ottava edizione della rassegna di teatro comico “Voci di Sicilia”.

Grande il successo ottenuto dalla compagnia teatrale ennese de “I Guitti” che lo scorso weekend ha portato sul palco del Teatro Garibaldi di Enna la commedia brillante scritta da Pierre Chesnot e liberamente adattata dal regista e attore Gaetano Libertino.

Un folto pubblico ha applaudito calorosamente le esilaranti gags create da Libertino e dalla sua compagnia, per uno spettacolo alla sua prima assoluta che sarà sicuramente riproposto in città e non solo.

Ma tanta qualità artistica anche all’interno dell’intero cartellone “Voci di Sicilia” di questa ottava edizione, firmato come sempre da Peppe Truscia, direttore artistico di una rassegna ormai divenuta un punto di riferimento per il teatro comico siciliano.

“Siamo molto felici – le parole di Truscia – di chiudere questa ottava edizione con una compagnia teatrale ennese, la conferma che si può fare teatro di qualità anche nel nostro territorio. Ringrazio, quindi, la compagnia de “I Guitti”, ma anche tutti gli artisti che quest’anno ci hanno onorato della loro presenza nel nostro cartellone, a partire dalla compagnia teatrale DeLoi di Lucera, Toti e Totino, la Nuova Compagnia Teatrale Il Canovaccio di Leonforte, Sandro Vergato, per concludere con Mario Zamma. La nostra mission – prosegue Truscia – è sempre quella di valorizzare il teatro regionale all’interno di un cartellone composto anche da attori e registi di fama nazionale. Ringrazio tutti coloro i quali mi hanno collaborato nell’organizzazione di questa rassegna, – conclude il direttore artistico – il Comune di Enna e la sua amministrazione per aver messo a disposizione il Teatro Garibaldi, ma soprattutto il pubblico che come gli altri anni ci ha onorato della sua presenza”.

 


Condividi l'articolo su:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *