Entra nel vivo il processo per stalking che vede il Comune di Troina parte civile

Condividi l'articolo su:
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Presente in udienza il Sindaco di Troina con la fascia tricolore, assistito dall’avvocato Salvatore Timpanaro.

E’ entrato nel vivo il processo per stalking che si svolge avanti il giudice monocratico del Tribunale di Enna, Francesco Paolo Pitarresi.

L’imputato I.F. è chiamato a rispondere di atti persecutori ai danni della moglie separata M.F. per averla pedinata, sia con un investigatore privato, sia mediante l’utilizzo di un’applicazione di geolocalizzazione, abusivamente installato sul telefono della donna; nonché per averla molestata con continue  telefonate, numerosi messaggi e minacciata, ingenerando nella vittima uno stato di ansia e di paura, costringendola a cambiare le proprie abitudini di vita, dal 2014 sino ad oggi.

Come si ricorderà, con una decisione innovativa, senza precedenti, il Tribunale ennese, accogliendo la richiesta dell’avvocato Salvatore Timpanaro,  ha ammesso,  per la prima volta in Italia, in un processo per stalking, la costituzione di parte civile di un ente locale: il  Comune di Troina, dove è residente la donna vittima del reato.

All’udienza fiume del 5 dicembre scorso, durata ben otto ore e nel corso della quale la donna vittima del reato è stata sottoposta ad un lunghissimo interrogatorio, è intervenuto personalmente il sindaco di Troina indossando la fascia tricolore, così significando la piena solidarietà della comunità troinese alla vittima dell’odioso reato.

Il giovane sindaco e la sua giunta hanno, infatti, fortemente voluto la costituzione di parte civile che è stata ammessa dal Tribunale sul presupposto che lo Statuto del Comune, modificato nel 2014 proprio per volere del primo cittadino,  ha introdotto tra i suoi principi fondamentali “l’obiettivo delle pari opportunità tra uomini e donne secondo il principio dell’uguaglianza nella diversità”.

Il sindaco Sebastiano Fabio Venezia a capo dell’amministrazione comunale, ha inteso sottolineare, con la sua presenza in aula, che la costituzione di parte civile nel processo è un atto politico di grande valore simbolico; atto che vuole testimoniare la condanna ferma di ogni forma di violenza perpetrata sulle donne e la solidarietà della cittadinanza alle vittime di violenza di genere.

L’imputato è   difeso dall’avvocato Antonio Impellizzeri.

All’udienza, aggiornata al 19 dicembre per ascoltare i testi del pubblico ministero,  era presente la presidente Calogera Grasso dell’associazione onluss “Donneinsieme”-“Sandra Crescimanno”, costituita parte civile e difesa dall’avvocato Lucia Mirabella del foro di Enna,  partner dello Studio Timpanaro.

 


Condividi l'articolo su:
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

redazione

Redazione TeleNicosia.it fondata nel luglio del 2013. La testata è iscritta al Tribunale di Nicosia al n° 2/2013.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: