Ex Provincia. Michele Iacono è il nuovo segretario generale dell’Ente

Condividi l'articolo su:
  •  
  •  
  •  
  •  
  • 1
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

ARTICOLO PUBBLICATO IL 2 Febbraio 2021

Classe 67, due titoli accademici, laurea in Giurisprudenza e in Scienze politiche e un vastissimo curriculum professionale. Michele Iacono, agrigentino, iscritto nella fascia A dell’albo professionale dei segretari comunali e provinciali, è il nuovo vertice amministrativo dell’Ente. A nominarlo titolare della sede della segreteria generale il commissario straordinario del Libero Consorzio comunale di Enna, Girolamo Di Fazio, che lo ha scelto tra le tante manifestazioni di interesse pervenute a seguito dell’avviso pubblico.

L’insediamento è avvenuto stamattina e ad accogliere il neo segretario lo stesso Commissario con il quale si è intrattenuto per un primo briefing di lavoro. Un confronto serrato sulle priorità da affrontare, tra queste la stabilizzazione dei 90 precari dell’Ente. Una problematica questa  già approfondita dal neo segretario che nel dicembre 2017 ha curato e portato a termine la stabilizzazione dei lavoratori a tempo determinato del comune di Agrigento. Il segretario si è poi intrattenuto con i dirigenti e con alcuni funzionari dell’Ente per iniziare a programmare l’agenda di lavoro.

E’ per me questa una nuova sfida professionale – ha commentato Michele Iacono-  che accolgo con grande entusiasmo e soprattutto con tanta voglia di fare bene. Confido in un gioco di squadra, in un gruppo di lavoro coeso e leale  che abbia la finalità comune di ridare all’Ente, dopo un lungo periodo di incertezze finanziarie ed istituzionali, un rinnovato ruolo e un assetto organizzativo capace di svolgere nel miglior modo possibile compiti e funzioni nell’interesse delle comunità amministrate“.

 

 


Condividi l'articolo su:
  •  
  •  
  •  
  •  
  • 1
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

redazione

Redazione TeleNicosia.it fondata nel luglio del 2013. La testata è iscritta al Tribunale di Nicosia al n° 2/2013.