Ferragosto, più controlli e presidi

Condividi l'articolo su:
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  


Ferragosto, più controlli e presidi


Nella giornata di oggi l’Arma garantisce il controllo del territorio con oltre 20.000 militari, le cui attività sono principalmente orientate alle esigenze di vigilanza nelle località turistiche, per garantire la serenità dei soggiorni vacanzieri, e nei centri urbani, a sostegno delle persone più vulnerabili rimaste in città e a tutela delle abitazioni lasciate incustodite. Una particolare attenzione permane verso le misure di profilassi anti-Covid.


Intensificati anche i servizi della Polizia ferroviaria in concomitanza con le partenze estive e in particolare in vista del Ferragosto, con l’impegno ogni giorno di oltre 1500 poliziotti nelle stazioni e sui treni. Questa presenza costante, orientata alla prevenzione dei reati e a garantire che i viaggi dei cittadini avvengano in piena sicurezza, ha consentito nelle sole prime due settimane di agosto di identificare oltre 110.000 persone, di arrestarne 33 e di denunciarne 323.



Il ministro Boccia: “Pronti a intervenire”


Quest’anno un occhio di riguardo è rivolto al rispetto delle misure di contenimento del covid 19 per evitare assembramenti o che qualche passeggero non rispetti le regole stabilite nel trasporto ferroviario per la salute di tutti.


Numerose le operazioni straordinarie, denominate “alto impatto”, che hanno coinvolto le principali stazioni ferroviarie e visto l’intervento di unità cinofile, l’uso di metal detector e di smartphone con lettura ottica in tempo reale dei documenti per controlli più approfonditi di passeggeri e bagagli. E’ di ieri la quinta giornata che ha visto l’impiego di 448 operatori Polfer nelle 15 stazioni principali del territorio nazionale, con 6.933 identificati, di cui 3 arrestati e 10 indagati.


Stretta sulle discoteche, nuovi divieti e restrizioni da oggi


Altrettanto numerose le operazioni “rail safe day” finalizzate a contrastare comportamenti scorretti dei viaggiatori che talvolta finiscono per trasformarsi in tragedia, come quella avvenuta lo scorso anno sulla tratta Locri- Brancaleone- Roccella Jonica. 9 le sanzioni elevate, solo qualche giorno fa sulla stessa linea, ad altrettanti turisti sorpresi ad attraversare i binari per raggiungere la spiaggia piuttosto che utilizzare i sottopassaggi. L’attenzione – spiega la Polfer – è sempre molto elevata per evitare ogni forma di illegalità che può rischiare in taluni casi di rovinare le vacanze o colpire ulteriormente situazioni di fragilità. Molti i casi di intervento delle pattuglie per concorrere alle operazioni di soccorso e assistenza nel caso di convogli rimasti fermi lungo la linea ferroviaria.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Adnkronos.



[themoneytizer id="16037-28"] [themoneytizer id="16037-16"]

Source link


Condividi l'articolo su:
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

redazione

Redazione TeleNicosia.it fondata nel luglio del 2013. La testata è iscritta al Tribunale di Nicosia al n° 2/2013.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: