Fi, scontro fra Miccichè e Falcone alla festa del tricolore a Catania

Condividi l'articolo su:

CATANIA (ITALPRESS) – Scontro verbale tra il coordinatore siciliano di Forza Italia Gianfranco Miccichè e l’assessore regionale all’Economia Marco Falcone (Fi) durante la Festa Tricolore di Fdi a Catania.
“Miccichè, le tue bugie sono a ripetizione, davvero una dietro l’altra, la verità è che non hai votato Galvagno all’Ars, con Musumeci di notte chiedevi agli assessori, di giorno criticavi, basta… devi andare via da Forza Italia”: ha urlato così Marco Falcone, assessore regionale all’Economia al coordinatore siciliano di Forza Italia Gianfranco Miccichè, ospite della Festa regionale del Tricolore di Fdi a Catania, ma pronto ad andare via dall’evento dopo l’acceso scontro col collega, poi frenato proprio dal neo presidente dell’Ars Galvagno, il quale ha invitato tutti ad una moderazione dei toni nell’interesse dei siciliani e della platea. “Non dico mai bugie, noi abbiamo votato Gaetano Galvagno – ha detto Miccichè – mentre non abbiamo sostenuto la vicepresidente Luisa Lantieri, dovete cercare franchi tiratori altrove. Sono stato molto chiaro anche in aula. Non capisco che guadagno può avere Schifani da questa operazione, non credo mi butteranno fuori da Forza Italia dopo 27 anni, porto risultati matematici e lavoro da ormai 40 anni con Silvio Berlusconi. In politica il fatturato sono i voti e finché sono un suo dirigente, continuerò a portare sempre il meglio, pur non vivendo clientele elettorale; investo su persone brave. Non avrei mai fatto una scortesia all’amico Galvagno, che stimo molto, ma c’era un accordo diverso che non è stato rispettato dal presidente Schifani. Inoltre il governatore non può avere suoi gruppi nel parlamento siciliano – ha sottolineato Miccichè – perché è il presidente di tutti; tra l’altro sono io il depositario del simbolo di Forza Italia, che non può essere usato da altri”. Parole molto forti anche nei confronti di Musumeci e della sua giunta: “Hanno fatto disastri atomici”.
-foto xd9 –
(ITALPRESS).


Condividi l'articolo su: