Fondo per l’imprenditoria femminile, Giarrizzo e Alaimo (M5S): “Squilibri Nord-Sud e rifinanziamento. Presentate 2 interrogazioni in parlamento”

Condividi l'articolo su:

Rifinanziare il Fondo e rimediare allo sbilanciamento nella distribuzione geografica delle domande inserite a sistema tra le regioni del Nord e del Sud Italia. Questi i temi centrali delle ultime due interrogazioni presentate in Parlamento a firma Alaimo-Giarrizzo. Secondo i dati forniti da Invitalia, infatti, sono state presentate 4.985 domande e le risorse a disposizione sono andate immediatamente esaurite. È evidente, dunque, che i 40 milioni predisposti per la misura non siano sufficienti a soddisfare l’obiettivo principale prefissato, quale promuovere e sostenere l’avvio e il rafforzamento dell’imprenditoria femminile in tutto il territorio italiano”. Così l’onorevole Andrea Giarrizzo, vicepresidente della commissione Attività Produttive alla Camera e la deputata Roberta Alaimo, componente della commissione Affari costituzionali.

Con il progetto ‘Giovani, Rilancio e Sviluppo’ – continuano – puntiamo proprio a sostenere la crescita delle nostre imprese e quindi di quelle femminili, così anche dei nostri giovani sia in ambito formativo che professionale, certi che questa sia la direzione migliore da percorrere per favorire lo sviluppo economico, sociale e culturale dell’Italia”.

“In linea con queste finalità, il Fondo per l’imprenditoria femminile può dare una vera spinta affinché le donne abbiano un peso ancora più rilevante nella produzione di ricchezza del nostro Paese. Pertanto, auspichiamo in nuove disposizioni da parte del Ministro mirate a rimediare alle problematiche evidenziate” concludono Giarrizzo e Alaimo.

 


Condividi l'articolo su: