Ftse Mib in rally a dispetto dei dividendi

Condividi l'articolo su:
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  


La settimana di Piazza Affari parte con il segno più


Nonostante per il presidente della Federal Reserve sarà necessario attendere la fine del 2021 per assistere a una vera ripresa, la speranza di un vaccino contro il virus ha spinto i listini europei nella prima seduta della settimana. Prima dell’avvio delle contrattazioni a Wall Street, la società statunitense Moderna ha annunciato che i primi test sull’uomo del suo vaccino anti Covid-19 hanno prodotto risultati promettenti (in corrispondenza della chiusura delle borse Ue le azioni della società di biotecnologie guadagnano oltre 23 punti percentuali).


A dispetto dello stacco del dividendo da parte di nove big (tra cui Eni, +1,61%, Prysmian, +5,99%, e Generali, -1,15%), il cui impatto è stato stimato in un -0,86%, il paniere principale di Piazza Affari, il Ftse Mib, ha chiuso in rialzo del 3,26% a 17.401,45 punti. In corrispondenza della riaperture di molte attività produttive, la Consob ha annunciato, “alla luce della progressiva normalizzazione delle condizioni generali di mercato”, di aver sospeso il divieto all’assunzione di nuove posizioni nette corte e all’incremento delle posizioni nette corte esistenti.



Sul listino delle blue chip spicca il rally di Unipol (+8,63%) ed il +8,19% di Fiat Chrysler. Per quanto riguarda la società bolognese, l’Ad Carlo Cimbri ha dichiarato che la società non avrà difficoltà a raggiungere gli obiettivi del 2020, mentre la casa italo-statunitense ha confermato che la controllata italiana è in discussione con il governo e con Intesa Sanpaolo (+4,94%) per la concessione di una linea di credito triennale da 6,3 milioni di euro assistita da garanzia statale.


Tra gli altri titoli del comparto bancario, UniCredit ha segnato un +5,91%, Mediobanca ha guadagnato il 6,92% e Banco BPM ha chiuso con un +4,84%.


Per quanto riguarda il mercato obbligazionario, oggi lo spread tra Btp e Bund ha evidenziato un calo di quasi 5 punti percentuali a 229,7 punti base. Le prime indicazioni relative il nuovo Btp Italia segnalano il forte interesse degli investitori: nel primo giorno di collocamento le richieste sono risultate di circa 3 miliardi di euro, maggiori quindi dell’intero importo allocato presso il retail in occasione dell’emissione precedente. (in collaborazione con money.it)

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Adnkronos.



[themoneytizer id="16037-28"] [themoneytizer id="16037-16"]


Condividi l'articolo su:
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

redazione

Redazione TeleNicosia.it fondata nel luglio del 2013. La testata è iscritta al Tribunale di Nicosia al n° 2/2013.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: