“Giornata Internazionale per i diritti dell’Infanzia e dell’adolescenza” celebrata dal Kiwanis Nicosia

Condividi l'articolo su:
  •  
  •  
  •  
  •  
  • 1
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Presso la scuola primaria del I Circolo Didattico “Carmine” è stata celebrata la “Giornata Internazionale per i diritti dell’Infanzia e dell’Adolescenza” dal Kiwanis di Nicosia, club che si distingue per il suo servizio a favore dei bambini e del territorio, come esprime il motto internazionale: “Serving the Children of the world”.

Dopo i consueti saluti d’accoglienza da parte della professoressa Maria Cristina Fascetto, in vece del dirigente, la dottoressa Mariaelena Costa ha presentato la giornata ai bambini e moderato l’incontro.

Il presidente del Kiwanis, Gianfranco Di Franco, ha presentato il club e le numerose attività sia svolte che in programma relative all’infanzia: “fatti concreti, come il sostegno che ogni anno il club di Nicosia offre con il progetto S.O.S. Kiwanis, un aiuto economico per i bambini della nostra città – molto spesso si tratta dei buoni mensa o dell’acquisto di materiale scolastico – perché il nostro auspicio, attraverso il nostro costante impegno, è che un giorno tutti i bambini possano vivere in comunità che credono in loro, che si prendono cura di loro e che offrono loro il sostegno necessario per crescere. Ecco perchè per noi oggi è importante celebrare questa giornata!

Ad aiutare i bambini a comprenderne meglio il significato giuridico della Convenzione ONU, che per la prima volta nel 1989, ratificata dall’Italia nel 1991, ha riconosciuto i bambini come aventi diritti civili, sociali, politici, culturali ed economici, è stato l’avvocato Giovanni Cannata.  Dall’adozione della Convenzione, infatti, sono passati ben 30 anni.  Ed è stato proprio grazie all’adozione e alla ratifica di questo documento che in quasi tutti i Paesi del mondo i bambini non solo godono dei diritti fondamentali, ma sono protetti e tutelati. L’avvocato, inoltre, nella sua relazione ha voluto sottolineare la vicenda dei “carusi”, una delle pagine più tragiche e umilianti, ma anche meno conosciute della storia del popolo siciliano: la tragedia della solfara di  Gessolungo, in cui nel 1881 19 “carusi” persero la vita.

Quindi i bambini sono stati protagonisti recitando gli articoli della Convenzione e di alcune poesie sul diritto allo studio.

Infatti andare a scuola è un dovere dei bambini, ma soprattutto è un diritto. Ma ci sono dei paesi nel mondo in cui non sempre è così: ci sono dei bambini e delle bambine che non hanno mai messo piede dentro una scuola perchè sono malati, perchè devono andare a lavorare oppure perchè i grandi li mandano a fare la guerra. Secondo i dati dell’Unicef i bambini che non possono andare a scuola sono ben 61 milioni nel mondo! Parliamo di paesi quali ad esempio il Sudan, l’Afghanistan, la Nigeria, l’Eritrea e la Siria.

L’intenso incontro è stato chiuso dalla toccante testimonianza del dottor Salvatore Piero Patanè, medico dell’Asp di Catania, che attraverso delle splendide foto ha mostrato ai bambini la situazione dell’istruzione e dei loro coetanei nella città di Ilula, in Tanzania.

A conclusione della Giornata il Kiwanis ha lanciato un bando di concorso sui “Diritti dell’Infanzia” rivolto a tutti i bambini delle scuole primarie e secondarie.

 


Condividi l'articolo su:
  •  
  •  
  •  
  •  
  • 1
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

redazione

Redazione TeleNicosia.it fondata nel luglio del 2013. La testata è iscritta al Tribunale di Nicosia al n° 2/2013.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: