Governo, Bellanova: "Non c'è solo Conte. Di Maio? No veti"  

Condividi l'articolo su:
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  


L’ex ministra di Italia Viva nel giorno in cui iniziano le consultazioni: “Andremo al Colle senza fare nomi ma per discutere di temi”

alternate text
Foto Fotogramma
(Adnkronos)

“Non metteremo veti su Conte ma non c’è solo lui. Andremo al Colle senza fare nomi ma per discutere di temi”. Lo dice Teresa Bellanova, ex ministra di Italia Viva, a Tgcom24. “Di Maio? Noi non poniamo veti e non li subiamo, partiamo dal programma”, risponde Bellanova.


Leggi anche
  • Governo, Rosato: “Italia Viva a consultazioni senza veti”

  • Crisi governo Conte, da oggi le consultazioni: le news

  • Dimissioni Conte, nasce gruppo ‘Europeisti’: fuori Lady Mastella

Sul punto, nel giorno dell’inizio delle consultazioni al Quirinale, è intervenuto anche Ettore Rosato sottolineando, al programma radiofonico ‘Un giorno da pecora’, che Italia Viva andrà al Quirinale “senza veto o preclusione, rappresentando il fatto che abbiamo bisogno di un confronto sul programma. Per noi vengono prima le risposte alla lettera data al presidente del Consiglio, programmatica. Poi le indicazioni sui nomi derivano dopo”.

Conte potrebbe essere ancora premier? “Lo abbiamo sempre detto, anche nei momenti più duri del confronto. Non abbiamo mai detto, presidente noi non la vogliamo più vedere”, ha replicato Rosato. Al Quirinale per le consultazioni nella delegazione di Italia viva ci saranno “sicuramente Renzi e i capigruppo, poi vediamo, forse andrà anche io” ma “andrà Teresa Bellanova così sono due uomini e due donne”. Al Colle, ha spiegato ancora Rosato, “non andiamo con nessun coltello tra i denti ma con delle richieste moto specifiche che riguardano il futuro del Paese”.



Source link


Condividi l'articolo su:
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

redazione

Redazione TeleNicosia.it fondata nel luglio del 2013. La testata è iscritta al Tribunale di Nicosia al n° 2/2013.