Governo, Grillo va da Draghi. Ai cronisti: "Perché siete lì?" 

Condividi l'articolo su:
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  


Il garante, che guida la delegazione M5S, intercettato mentre va all’incontro con il premier incaricato: “Ma ci sono i giornalisti?”

alternate text
Foto Fotogramma
(Adnkronos)

“Ma ci sono i giornalisti? Perché siete lì?”. Così Beppe Grillo, muovendo dalla sala Tatarella di Montecitorio diretto nella Biblioteca per incontrare Mario Draghi, rivolgendosi ai giornalisti della stampa parlamentare che attendono la fine della riunione M5S che ha preceduto l’incontro con il premier incaricato.


Leggi anche
  • Governo Draghi, ecco il ‘programma’ di Grillo

  • Governo Draghi, Di Battista: “No ad accozzaglia pericolosa”

Un vero show, quello di Grillo, durante il vertice con lo stato maggiore M5S alla Camera. Un lungo monologo in cui il garante pentastellato ha invitato il Movimento ad essere compatto: “Dobbiamo difendere i nostri temi e mettere l’ambiente al centro”, avrebbe detto Grillo secondo quanto apprende l’Adnkronos.

Tanti i ministri uscenti del M5S presenti al vertice con Grillo, Davide Casaleggio e il premier Giuseppe Conte. Oltre a Luigi Di Maio, Alfonso Bonafede, Stefano Patuanelli, Riccardo Fraccaro, nonché i capigruppo di Camera e Senato, la vicepresidente del Senato Paola Taverna e il capo politico Vito Crimi, sono arrivati alla spicciolata al Palazzo dei gruppi anche i ministri uscenti Federico D’Incà, Vincenzo Spadafora e Lucia Azzolina.

Davide Casaleggio ha lasciato il Palazzo dei Gruppi di Montecitorio dopo il vertice dello stato maggiore M5S e prima dell’incontro tra la delegazione pentastellata e il presidente del Consiglio incaricato Mario Draghi. Il fondatore di Rousseau non ha voluto rilasciare dichiarazioni ai cronisti.



Source link


Condividi l'articolo su:
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

redazione

Redazione TeleNicosia.it fondata nel luglio del 2013. La testata è iscritta al Tribunale di Nicosia al n° 2/2013.