Grande subbuglio tra i cittadini di Assoro che si sono visti recapitare bollette dei rifiuti degli anni 2015-2016-2017

Condividi l'articolo su:

Come associazione abbiamo sempre sostenuto: “Pagare tutti per pagare meno” e certo non veniamo meno a questo nostro principio, ma è anche vero che le oltre cinquecento notifiche che stanno pervenendo ai cittadini, crea e creerà sempre più disamore per la gestione della cosa pubblica.

Certo nel 2018 anno delle elezioni amministrative nessun aumento dei costi, nessuna ingiunzione di pagamento, ma adesso ottenuti i consensi ed il controllo della cosa pubblica ecco gli aumenti e l’invio delle bollettazioni degli anni passati non pagati.

Vero è che magari l’uno per cento dei contribuenti non paga per protesta contro un sistema che vede la mafia fare affari d’oro con i rifiuti, ma è anche vero che la stragrande maggioranza dei cittadini non hanno pagato per i costi esorbitanti.

Basta un dato per 90 mq ad Assoro si paga intorno a 300 euro, in Brianza, sempre Italia, per 110 mq si paga 120 euro. Naturalmente gli alti costi di questo sistema che vede gli addetti alla raccolta avere retribuzioni cospicue fa lievitare il costo totale che i cittadini debbono poi coprire, basta dire che il contratto “Federambiente” è del 40% superiore a quello degli enti locali ed un semplice responsabile di bacino percepisce quanto al Comune percepisce un dirigente laureato.

Questa è la situazione di mala gestione attuata da una classe politica provinciale che tutti conosciamo, la quale con i nostri soldi si paga la clientela. Sono le scelte di una politica becera che certo non ha fatto e non fa gli interessi dei cittadini ma di un sistema corrotto che fra l’altro ha visto il responsabile della società che gestisce il servizio ad Assoro la “Progitec” finire in carcere per illeciti unitamente al sindaco del Comune di San Pietro Clarenza e su questi affidamenti si dovrebbe fare chiarezza.

Ma certo il Comune di Assoro non si è costituito parte civile nel processo “Homo Novus” quando si affermava che un consigliere comunale era stato eletto con i pacchi per la mafia, vuoi che rivede gli incarichi per la Progitec ? Sarebbe stata amministrazione accorta se il Comune invece di inviare tutti questi anni arretrati si fosse limitato a scaglionare un anno il 2015 ed in seguito gli altri per dare la possibilità di non ritrovarsi con pagamenti corposi (tre anni) da dover pagare contemporaneamente. Fra l’altro da segnalare che la stessa riscossione tributi ha sospeso per il mese di agosto l’invio di pagamenti, mentre il comune di Assoro invia a ridosso delle feste di ferragosto tali ingiunzioni di pagamento, forse, per augurare ai cittadini buon ferragosto ?

Pippo Bruno


Condividi l'articolo su:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *