I Giovani Democratici della Federazione provinciale di Enna condividono la scelta dei sindaci per la Dad

Condividi l'articolo su:

La segreteria provinciale dei Giovani Democratici non può che condividere la linea perseguita dai sindaci della nostra provincia, che prevede la didattica a distanza oltre i 3 giorni di chiusura stabiliti dalla Regione Siciliana. Una scelta necessaria, viste le evidenti difficoltà nella gestione dei tamponi e nel tracciamento dei contatti”, afferma Davide Conti, responsabile scuola dei Giovani Democratici Federazione provinciale di Enna.

Data la particolare situazione pandemica in cui si trovano la maggior parte dei comuni della nostra provincia, riteniamo auspicabile che la linea adottata dai sindaci del nostro territorio resti la medesima annunciata negli scorsi giorni.

 L’auspicio che come giovanile facciamo è quello che le istituzioni provinciali lavorino affinché sia garantito un rientro in sicurezza alla nostra comunità scolastica. È necessario, infatti, assicurarsi che vengano rispettate le regole sul distanziamento sociale all’interno delle scuole e sui mezzi di trasporto. Crediamo sia anche necessario fornire gratuitamente le mascherine FFP2 quantomeno alle studentesse e agli studenti pendolari in quanto sarà possibile viaggiare sui mezzi di trasporto solo con questo tipo di mascherina.

 La didattica a distanza non può sostituire sul lungo periodo quella in presenza. È necessario garantire i momenti di aggregazione e di dibattito, con le dovute precauzioni, alle studentesse ed agli studenti. Devono essere a loro garantiti il diritto allo studio così come quello alla salute”, conclude nella sua nota la Federazione provinciale di Enna dei Giovani Democratici.

 


Condividi l'articolo su: