I gruppi consiliari di Liberi e Uniti e di Forza Italia chiedono all’Asp di Enna il potenziamento dell’ospedale di Nicosia

Condividi l'articolo su:
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

I gruppi consiliari di “Liberi e Uniti” e di Forza Italia nella seduta del consiglio comunale del 17 febbraio, durante la trattazione del punto posto all’ordine del giorno “Ospedale di Nicosia- Anestesia e Rianimazione – Discussione“, hanno condiviso la richiesta di  trasformazione da Unità semplice di Anestesia e Rianimazione, con 7 posti letto,  in Unità complessa, con un adeguamento del personale medico e infermieristico. Il reparto, in funzione da marzo 2020, ha avuto un elevato numero di ricoveri ed è considerato estremamente funzionale anche a sostegno degli altri reparti del nosocomio nicosiano.

Nel dibattito  i due gruppi consiliari di minoranza hanno proposto l’istituzione di tutte le Unità operative previste nella rete ospedaliera siciliana approvata nel 2019, che individua l’ospedale Basilotta di Nicosia quale presidio di base. In particolare l’Unità Coronarica, Unità operativa complessa con 4 posti letto; Geriatria, Unità operativa semplice con 10 posti letto; Lungodegenza, Unità operativa semplice con 16 posti letto; Recupero e Riabilitazione funzionale, Unità operativa semplice con 20 posti letto; Emodinamica, Unità operativa semplice senza posti letto nell’ambito della cardiologia.

I consiglieri di Liberi e Uniti e di Forza Italia hanno evidenziato diversi problemi che riguardano il Distretto sanitario. Nei loro interventi hanno evidenziato che dall’1 gennaio 2021 manca il direttore di Distretto. Hanno sottolineato la carenza del personale con i dirigenti medici che negli ultimi due anni sono passati da 6 a 2 unità, mentre i funzionari amministrativi nello stesso periodo sono passati da 11 a 3 unità.

A queste carenze di personale si aggiunge la vicenda del poliambulatorio che da qualche anno non garantisce più ai cittadini del territorio le prestazioni delle branche specialistiche di Endocrinologia, Oculistica, Urologia, e Reumatologia.

In conclusione, i gruppi consiliari “Liberi e Uniti” e Forza Italia chiedono ai vertici dell’Asp di Enna un solerte intervento per potenziare l’ospedale di Nicosia, così come previsto dalle norme regionali e dal piano per le emergenze della Sicilia, e per ripristinare il personale amministrativo e le prestazioni specialistiche del Distretto non garantite più negli ultimi anni, al fine di offrire a tutti i cittadini,  in particolare a quelli meno abbienti,  servizi fondamentali per la tutela della salute e di una dignitosa qualità della vita.

 


Condividi l'articolo su:
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

redazione

Redazione TeleNicosia.it fondata nel luglio del 2013. La testata è iscritta al Tribunale di Nicosia al n° 2/2013.