Il 31 ottobre imprenditori in piazza a Enna per testimoniare il disagio di un’intera categoria

Condividi l'articolo su:
  •  
  •  
  •  
  •  
  • 1
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Anche gli imprenditori ennesi scendono in piazza per manifestare il disagio dell’intera categoria e per lanciare una richiesta di aiuto e un messaggio di speranza.

Nessuna manifestazione, nessuna forma di protesta, niente assembramenti, ma la realizzazione di un’installazione simbolica di 1600 lumini accesi, a simboleggiare le imprese attive nel territorio della Provincia di Enna.

Sabato 31 ottobre gli imprenditori si ritroveranno in Piazza Umberto I a Enna e accenderanno i lumini, simbolo di mestizia ma anche di speranza.

L’evento, organizzato dal Comitato delle Partite Iva Ennesi insieme a Confcommercio, CNA, Confartigianato, CIA, Casartigiani e Cidec, si prefigge lo scopo di esternare il disagio di una categoria duramente provata da mesi di pandemia e di attirare l’attenzione dei cittadini.

«Vogliamo lanciare una richiesta di aiuto a tutti, istituzioni e cittadini, affinchè in questo momento difficile le nostre imprese non vengano dimenticate e abbandonate a sé stesse, ma possano essere accompagnate da azioni di tutela e garanzia concrete da parte dello Stato e sostenute dai cittadini – sostiene Gianluca Speranza, direttore di Confcommercio Enna – Le attività produttive sono la linfa vitale del nostro territorio e le luci delle vetrine, rappresentate sabato da quei 1600 lumini, devono rimanere accese. Perché le vetrine dei nostri negozi illuminano le nostre strade e mantengono vive le nostre Città. Ogni luce che si spegne è un colpo mortale alla nostra società. Questo è il messaggio che abbiamo il dovere di veicolare: non vogliamo spegnere le luci delle nostre vetrine e lasciare al buio e nella desolazione il nostro territorio. Aiutateci a resistere».

 


Condividi l'articolo su:
  •  
  •  
  •  
  •  
  • 1
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

redazione

Redazione TeleNicosia.it fondata nel luglio del 2013. La testata è iscritta al Tribunale di Nicosia al n° 2/2013.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: