Il bilancio dell’attività nel 2018 del Commissariato di P.S. di Nicosia

Condividi l'articolo su:

Nel corso dell’anno in esame il Commissariato di P.S. di Nicosia, diretto dal commissario capo, Chiara Ricco Galluzzo, è stato impegnato costantemente nell’attività di prevenzione e controllo del territorio, oltre che di repressione.

Tra le attività di maggior rilievo, nell’ambito dei servizi predisposti volti al contrasto dello spaccio di sostanze stupefacenti e psicotrope, si segnala l’arresto occorso in data 16 febbraio 2018.

Sono state denunciate in stato di libertà all’autorità giudiziaria 47 persone a seguito di indagini ed attività di polizia giudiziaria.

Durante il 2018 sono stati effettuati 1123 controlli a persone sottoposte ad arresti domiciliari e sottoposte a misure di sicurezza e benefici processuali; sono stati effettuati 603 posti di controllo, identificate 4496 persone, controllati 1668 veicoli, elevate 48 contravvenzioni al C.D.S.; 27 persone sono state sottoposte a perquisizione personale.

Nel 2018 sono stati effettuati diversi controlli amministrativi ed è stata svolta una intensa attività amministrativa: nello specifico sono stati controllati 33 esercizi pubblici da cui sono scaturite 2 contestazioni per sanzioni amministrative, effettuati 6 ritiri amministrativi per rottamazione armi, 106 ritiri amministrativi per rottamazione munizioni, 2 ritiri cautelari armi e munizioni, richiesti 2 provvedimenti di divieto detenzione armi; rilasciati 11 permessi di soggiorno, 259 passaporti e 121 autorizzazioni di polizia, in ultimo è stata espletata attività di controllo al lavoro in nero ed al controllo amministrativo inerente le attività di giochi illeciti nel distretto.

Numerose le iniziative che hanno visto impegnato il Commissariato di Nicosia in attività esterne. In particolare, il dirigente ha partecipato, unitamente alle amministrazioni comunali di Nicosia e Troina, a diverse conferenze di servizio sull’orario di chiusura degli esercizi pubblici, oltre a svariate iniziative al fine di contrastare il fenomeno dell’alcolismo tra i giovani ed a tutela dell’ordine e della sicurezza pubblica, molteplici incontri sono stati effettuati anche nelle scuole con l’ausilio di personale dipendente inerenti alle tematiche di legalità, alcol, droga e bullismo. Altri incontri sono stati organizzati con la Curia Vescovile.

Specifica attività dell’Ufficio UIGOS è stata espletata dal 19 al 28 giugno presso l’aula consiliare del Comune di Nicosia a seguito dell’assemblea permanente degli allevatori nicosiani, indetta per protestare contro il mancato pagamento dei contributi comunitari relativi agli anni 2015, 2016, 2017 e 2018.

Altre peculiari attività sono state espletate in occasione della visita a Troina, il primo settembre, del Cardinale Pietro Parolin, Segretario di Stato Vaticano, ed in occasione della visita a Sperlinga, il 3 novembre, del presidente della Regione Siciliana, Nello Musumeci, che hanno visto il massimo impiego delle forze territoriali.

Particolare impegno è stato costantemente garantito, oltre che per i servizi svolti tradizionalmente (Progetto Trinacria – territori di Nicosia e Troina, manifestazioni varie a Nicosia e nei Comuni di propria competenza), nel settore del mantenimento dell’ordine e della sicurezza pubblica, espletato da personale del Commissariato, per le partite casalinghe dell’A.S.D. Troina, militante nel campionato di calcio di serie “D”.

Le attività di tutela di personalità ed i servizi di ordine pubblico (Trinacria –territorio di Troina – e ordine pubblico per le partite di calcio) permettono una presenza costante della Polizia di Stato, quasi giornaliera, sul territorio di un Comune, quello di Troina, non facile dal punto di vista della sicurezza.

 Di particolare rilievo a tal proposito, risulta l’attività di polizia giudiziaria compiuta il 16 dicembre, in occasione dell’incontro di calcio del campionato di serie D tra il Troina ed il Marsala. Nella circostanza, al termine della gara ed all’esterno dell’impianto sportivo, si sono verificati violenti scontri tra gli ultras dell’Acireale (estranei alla manifestazione sportiva e presenti nel territorio di Troina solo per scontrarsi con la tifoseria della squadra ospite) e del Marsala. Il personale della Polizia di Stato, impiegato per l’apposito servizio di ordine pubblico, interveniva immediatamente ponendo fine agli scontri ed arrestando un giovane acese per lesioni aggravate e porto abusivo di oggetti atti ad offendere. Per gli stessi fatti criminosi sono stati denunciati all’autorità giudiziaria competente tre supporters dell’Acireale. Per i quattro tifosi è stata proposta la misura di prevenzione del D.A.S.P.O.

 


Condividi l'articolo su:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *