Il consigliere comunale Cristina Valenti chiede agli uffici comunali l’entità del contenzioso del Comune di Agira

Condividi l'articolo su:
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Riceviamo e pubblichiamo un comunicato ricevuto da Cristina Valenti, consigliere comunale di Agira, riguardante l’entità del contenzioso del Comune di Agira.

Com’è a tutti noto, (tranne evidentemente all’amministrazione comunale di Agira), il diritto di accesso dei Consiglieri comunali agli atti amministrativi dell’ente locale, disciplinato dall’art. 43, comma 2, del T.U.O.E.L. n. 267/2000, prevede in capo agli stessi il diritto di ottenere dagli uffici tutte le notizie e le informazioni in loro possesso, utili all’espletamento del mandato. In data 18/1/2020 il consigliere comunale Cristina Valenti chiede al Dirigente del primo settore, informazioni relative al contenzioso legale del comune di Agira. Il consigliere pone cinque semplici domande:

1) Quanti incarichi legali sono stati conferiti dal 2016 ad oggi? (specificare il numero)

2) Quale somma complessiva è stata spesa per gli incarichi in questione e a quanto ammonta il contenzioso legale del comune?

3)quante cause ha vinto il comune di Agira?

4)quante cause ha perso? Quante sentenze di condanna?

5) quanti ricorsi in Appello? Il 18/02/2020 il dirigente in questione risponde in modo superficiale senza fornire le risposte alle domande poste. In sintesi per il Dirigente fornire adeguata risposta nel termine prefissato vuol dire svolgere un lavoro particolarmente complesso che determina l’interruzione dell’attività corrente arrecando un pregiudizio per la corretta funzionalità amministrativa dell’Ente. L’attività da svolgere risulta particolarmente onerosa e l’accesso alle informazioni di che trattasi deve essere graduato secondo i tempi necessari e le concrete possibilità organizzative dell’Ente destinatario. Il consigliere diffida il dirigente a rispondere entro 5 giorni, riservandosi di ricorrere alle autorità amministrative e/o giudiziarie competenti, qualora dovessero trascorrere infruttuosamente gli ulteriori giorni concessi. Gli Uffici comunali non hanno il potere di differire l’accesso del Consigliere comunale perché ogni limitazione interferisce inevitabilmente con la potestà istituzionale del Consigliere Comunale di sindacare la gestione dell’Ente onde assicurarne, in uno con la trasparenza e la piena democraticità, anche il buon andamento dell’amministrazione. I cittadini hanno il diritto di conoscere l’entità del contenzioso del Comune di Agira.

 


Condividi l'articolo su:
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

redazione

Redazione TeleNicosia.it fondata nel luglio del 2013. La testata è iscritta al Tribunale di Nicosia al n° 2/2013.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: