Il mining di Bitcoin è ancora redditizio?

Condividi l'articolo su:
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

ARTICOLO PUBBLICATO IL 28 Luglio 2021

Il mining di bitcoin è il metodo utilizzato per guadagnare bitcoin in cambio dell’esecuzione del processo di verifica per convalidare le transazioni all’interno della relativa rete blockchain. I minatori possono trarre profitto se il prezzo dei bitcoin supera il costo del procedimento di mining. Con la notevole recente evoluzione tecnologica e la creazione di centri minerari professionali dotati di un’enorme potenza di calcolo, così come il notevole oscillamento del prezzo del bitcoin stesso, molti singoli minatori si chiedono: “il mining di bitcoin è ancora redditizio? E dov’è il posto migliore per comprare bitcoin?.”

Ci sono diversi fattori che determinano se il mining di bitcoin può essere un’impresa redditizia. Questi includono il costo dell’elettricità necessaria per alimentare il sistema informatico, la disponibilità e il prezzo di tale sistema e la difficoltà nel fornire i servizi. La difficoltà viene misurata negli hash al secondo della transazione di convalida Bitcoin. Il tasso di hash misura la velocità di risoluzione del problema: la difficoltà cambia man mano che entrano più minatori perché la rete è progettata per produrre un certo livello di bitcoin ogni dieci minuti. L’ultimo fattore per determinare la redditività è il prezzo dei bitcoin rispetto alla valuta standard.

I componenti del mining di Bitcoin

Prima dell’avvento del nuovo software di mining bitcoin nel 2013, il mining veniva generalmente eseguito su personal computer. L’introduzione di chip a circuiti integrati (ASIC) specifici per l’operazione di mining ha offerto fino a 100 miliardi di volte di capacità in più rispetto alle macchine più vecchie, rendendo l’uso del personal computer per estrarre bitcoin inefficiente e obsoleto. Mentre il mining di bitcoin è ancora teoricamente possibile con i vecchi hardware, non c’è dubbio che non sia un’impresa redditizia.

Ciò è dovuto al modo in cui è impostato il mining: i minatori competono per risolvere i problemi di hash il più rapidamente possibile, quindi quei minatori con un grave svantaggio computazionale essenzialmente non hanno alcuna possibilità di risolvere prima un problema e di essere ricompensati con bitcoin.

Difficoltà di estrarre Bitcoin

Come affermato nei paragrafi precedenti, il tasso di difficoltà associato al mining di bitcoin è variabile e cambia all’incirca ogni due settimane al fine di mantenere una produzione stabile di blocchi verificati per la blockchain (e, a sua volta, di bitcoin introdotti in circolazione).

Maggiore è il tasso di difficoltà, minore è la probabilità che un singolo minatore sia in grado di risolvere con successo il problema dell’hash e ottenere la ricompensa in bitcoin. Negli ultimi anni, il tasso di difficoltà di mining è salito alle stelle. Quando il bitcoin è stato lanciato per la prima volta, la difficoltà era 1. A maggio 2020, è più di 16 trilioni. Questo fornisce un’idea di quante volte sia più difficile estrarre bitcoin ora rispetto a un decennio fa.

Ricompense mutevoli

La rete Bitcoin sarà limitata al raggiungimento di 21 milioni di bitcoin totali immessi nel sistema. Questa è stata una clausola chiave dell’intero ecosistema da quando è stata fondato, e il limite è posto in atto per tentare di controllare la fornitura della criptovaluta. Attualmente sono stati estratti oltre 18 milioni di bitcoin.

Per controllare l’introduzione di nuovi bitcoin in circolazione, il protocollo di rete dimezza il numero di bitcoin premiati ai minatori per aver completato con successo un blocco circa ogni quattro anni. Inizialmente, il numero di bitcoin ricevuto da un miner era 50. Nel 2012 , questo numero è stato dimezzato e il premio è diventato 25. Nel 2016 si è nuovamente dimezzato a 12,5. A maggio 2020, la ricompensa si è dimezzata ancora una volta a 6,25, ossia la ricompensa attuale.

I potenziali minatori dovrebbero essere consapevoli che la dimensione della ricompensa diminuirà in futuro, anche se la difficoltà di estrazione potrebbe aumentare.

Redditività nell’ambiente di oggi

Il mining di bitcoin può ancora avere senso ed essere redditizio per alcuni individui. L’attrezzatura è più facile da ottenere, anche se gli ASIC competitivi costano da poche centinaia di dollari fino a circa 10.000 dollari. Nel tentativo di rimanere competitive, alcune macchine si sono adattate. Per esempio, alcuni hardware consentono agli utenti di modificare le impostazioni per ridurre i requisiti energetici necessari, riducendo così i costi complessivi.

Per analizzare se l’attività di mining potrebbe essere redditizia, i potenziali minatori dovrebbero eseguire un’analisi costi/benefici per comprendere il loro prezzo di pareggio prima di effettuare acquisti a costi fissi dell’attrezzatura. Le variabili necessarie per fare questo calcolo sono:

  • Costo dell’energia: qual è la tua tariffa elettrica? Tieni presente che le tariffe possono cambiare a seconda della stagione, dell’ora del giorno o di altri fattori. Puoi trovare queste informazioni all’interno della tua bolletta elettrica.
  • Efficienza: quanta potenza consuma il tuo sistema, misurata in watt?
  • Tempo: qual è il tempo previsto per il mining?
  • Valore Bitcoin: qual è il valore di un bitcoin in dollari o altra valuta ufficiale?

Attualmente sul web esistono diversi calcolatori di redditività, come quello offerto da CryptoCompare, che i potenziali minatori possono utilizzare per analizzare il rapporto costi/benefici dell’attività di mining di bitcoin.

Esegui la tua analisi più volte utilizzando diversi livelli di prezzo sia per il costo dell’energia che per il valore dei bitcoin. Inoltre, cambia il livello di difficoltà per vedere come questo può influire sull’analisi. Determina a quale livello di prezzo il mining di bitcoin diventa redditizio per te: questo è il tuo prezzo di pareggio. A Luglio 2021, il prezzo del bitcoin si aggira intorno agli $ 38.000. Data una ricompensa attuale di 6,25 BTC per un blocco completato, i minatori vengono ricompensati con circa $ 237.500 per aver completato con successo un hash. Naturalmente, poiché il prezzo del bitcoin è molto variabile, è probabile che questa cifra di ricompensa cambi nel tempo.

 


Condividi l'articolo su:
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

redazione

Redazione TeleNicosia.it fondata nel luglio del 2013. La testata è iscritta al Tribunale di Nicosia al n° 2/2013.