Il presepe del CSM di Nicosia 2019 alla mostra “100 Presepi in Vaticano”

Condividi l'articolo su:
  •  
  •  
  •  
  •  
  • 1
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Dopo il successo avuto lo scorso anno con la realizzazione del presepe presso il Centro Salute Mentale di Nicosia, quest’anno, utenti, familiari e operatori hanno vissuto l’emozione dell’incontro con Papa Francesco durante l’evento “100 presepi in Vaticano”. La notizia è stata diffusa subito attraverso i social, ma il DSM (Dipartimento Salute Mentale) ritiene opportuno approfondire l’unicità dell’evento che premia il lavoro realizzato in modo corale.

Abbiamo deciso di presentare domanda per partecipare, quest’anno, alla manifestazione 100 Presepi in Vaticano, manifestazione che accoglie i presepi provenienti da tutto il mondo. Con nostra grande sorpresa siamo stati scelti con il nostro presepe, per cui utenti, operatori e familiari siamo partiti per Roma, dal 5 dicembre al 10 dicembre 2019, per predisporre il presepe e partecipare all’inaugurazione avvenuta il 9 dicembre alle ore 16.00 presso la sala Pio X. E la sorpresa più grande è stata la visita di Sua Santità Papa Francesco che ha voluto conoscere i presepisti”.

All’inaugurazione erano presenti gli utenti che hanno realizzato il presepe, il direttore del Dipartimento Salute Mentale, dott. Giuseppe Cuccì, il sindaco di Nicosia, Luigi Bonelli, la responsabile del Centro Salute Mentale di Nicosia, dott.ssa Carmela Murè, il maestro Salvatore Tamburello, la presidente della Cooperativa Solidarietà Erbitense Barbara Lo Votrico con la sua coordinatrice dott.ssa Mary Zingale, operatori, familiari e volontari.

Per noi tutti – continua la nota inviata – parlare con Sua Santità è stata un’emozione indescrivibile, il Santo Padre ha personalmente salutato tutti i componenti del nostro gruppo, a Lui abbiamo donato le biografie dei due Santi nicosiani San Felice e San Luca consegnati dal sindaco di Nicosia e il simbolo del presepe 2019, “la tessitrice” consegnata dal Direttore del Dipartimento, mentre la dott.ssa Murè ha esposto al Santo Padre la simbologia del presepe.

Un grazie a Monsignor Fisichella e a Don Ivan Ricupero che ci hanno accolto permettendo a tutto il nostro gruppo di vivere questa emozionante e splendida esperienza. Nell’ambito della manifestazione il nostro presepe è stato molto apprezzato sia per la sua manifattura che per il messaggio che rappresentava.

Quest’anno il nostro Presepe verrà inaugurato a Sperlinga all’interno del Castello Medioevale il 17 dicembre alle ore 16.00: il simbolo sarà la tessitrice, figura non solo rappresentativa del paese che ci ospita, ma anche simbolo della rete che il nostro Servizio ha saputo creare negli anni.

Il nostro presepe, infatti, non vuole essere una rappresentazione statica, immutabile, ma un qualcosa in fieri, in divenire, in grado di arricchirsi creativamente di tutte le ricchezze manifeste o latenti, spesso dimenticate ma sempre presenti nel nostro territorio.

Il Dipartimento Salute Mentale dell’Asp di Enna, diretto dal dott. Giuseppe Cuccì, già da quattro anni, ha attivato la progettualità dei PAL (Piani di Azione Locale), cioè la presa in carico degli utenti attraverso l’assistenza domiciliare e aggregativa con il coinvolgimento dei Comuni e delle Cooperative inserite nell’Albo Aziendale. Nell’ambito di tale progettualità, il CSM di Nicosia, diretto dalla dott.ssa Carmela Murè, ha attivato sia dei percorsi personalizzati che un Centro di Aggregazione, gestito dalla Cooperativa “Solidarietà Erbitense”, all’interno del quale vengono effettuati i laboratori di Danzaterapia, Pelletteria, Fotografia e Ceramica.

 


Condividi l'articolo su:
  •  
  •  
  •  
  •  
  • 1
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

redazione

Redazione TeleNicosia.it fondata nel luglio del 2013. La testata è iscritta al Tribunale di Nicosia al n° 2/2013.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: