Incidente sull’autostrada Palermo-Catania, muore il sostituto procuratore Romano del Tribunale di Enna

Condividi l'articolo su:
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Drammatico e letale incidente stradale nella mattinata del 18 febbraio lungo l’autostrada A19 Palermo-Catania. Un autocarro carico di merci, per motivi ancora tutti da accertare, ha improvvisamente sbandato, ha travolto una vettura e abbattuto le barriere di protezione della carreggiata, finendo la sua corsa giù da un viadotto. L’episodio poco dopo le 10 nel tratto della A19 compreso tra gli svincoli di Scillato e Tremonzelli, nella città metropolitana di Palermo, nella carreggiata in direzione di Catania. Una carambola terribile e tragica che purtroppo ha fatto anche una vittima: il conducente della vettura travolta. Per lui inutili i successivi soccorsi da parte di pompieri e sanitari del 118. È stato dichiarato morto sul posto. La vittima del terribile incidente stradale è Giovanni Romano, 39enne palermitano sostituto procuratore in servizio a Enna che lascia moglie e figlio piccolo di pochi mesi.

Ferito ma vivo invece il camionista che è stato estratto dalle lamiere contorte dell’abitacolo dai vigili del fuoco intervenuti sul luogo dello schianto e poi affidato alle cure degli uomini del 118 che hanno provveduto a trasportarlo in ospedale. A causa della gravità delle ferite riportate, l’uomo è stato trasferito in elisoccorso all’Ospedale Sant’Elia di Caltanissetta. Sul luogo dell’accaduto anche le volanti della polizia stradale a cui ora spetta il compito di ricostruire la dinamica dei fatti. Per permettere i soccorsi, l’Anas, che gestisce il tratto, ha chiuso la carreggiata in direzione Catania con uscita obbligatoria allo svincolo di Scillato e rientro sulla A19 allo svincolo di Tremonzelli.

 


Condividi l'articolo su:
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

redazione

Redazione TeleNicosia.it fondata nel luglio del 2013. La testata è iscritta al Tribunale di Nicosia al n° 2/2013.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: