Infrastrutture, Falcone a Toninelli: “Inammissibili le opere bloccate. Chiediamo atti concreti per la Sicilia a cominciare dalla statale Nord-Sud”

Condividi l'articolo su:
  •  
  •  
  •  
  •  
  • 1
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Al ministro Toninelli non ho rivolto nessun attacco. Ho invece dovuto precisare e chiarire dei dati che magari impropriamente gli erano stati rappresentati. Verso il Governo nazionale abbiamo solo un’unica richiesta: atti e provvedimenti concreti che possano aiutare tangibilmente la Sicilia“. L’assessore regionale alle Infrastrutture, Marco Falcone, interviene così dopo le dichiarazioni del ministro Danilo Toninelli rese durante l’odierna visita nell’Isola.

Proprio oggi, per fare un esempio, abbiamo inoltrato l’ultima sollecitazione all’Anas, ovvero di sbloccare la Statale 117 Nord-Sud a partire dal cosiddetto lotto B5, la cui gara è bloccata addirittura dal 2014. Oggi la Sicilia, e nello specifico il territorio dell’Ennese, si pongono una domanda: se tutto ciò possa essere ammissibile o giustificabile in un Paese moderno e civile. Purtroppo invece, a distanza di cinque anni, ancora nulla si muove”.

Ecco perché – rilancia Falcone – dico al ministro Toninelli, nel caso l’Anas non risolva nei prossimi 15 giorni la paradossale vicenda, di procedere al commissariamento della Statale Nord-Sud, come previsto dall’ultimo Decreto Sblocca cantieri, per poter così realizzare un’opera che, vorrei ricordare, è finanziata per quasi l’80 per cento con fondi regionali“.

Una tale azione rientra nella sfera di competenze del ministro alle Infrastrutture e purtroppo non in quella del Governo regionale, impossibilitato infatti ad esercitare poteri sostitutivi sulle grandi infrastrutture. In questo senso, attraverso un provvedimento così chiaro e concreto, si avvierebbe una nuova fase di rispetto e reale collaborazione”.

 


Condividi l'articolo su:
  •  
  •  
  •  
  •  
  • 1
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Un pensiero riguardo “Infrastrutture, Falcone a Toninelli: “Inammissibili le opere bloccate. Chiediamo atti concreti per la Sicilia a cominciare dalla statale Nord-Sud”

  • 27 Aprile 2019 in 12:29
    Permalink

    Continua la polemica tra l’assessore alle infrastrutture Falcone e il ministro Toninelli durante la visita in Sicilia non per fare il punto sulle strade siciliane ma per la campagna elettorale. Sarebbe stato interessante un incontro seduti attorno ad un tavolo con la partecipazione anche dell’Anas. Invece abbiamo assistito ad uno scontro a distanza con l’aggiunta di qualche pizzico di sale da parte di Salvini anch’egli in visita in Sicilia. Per la Ragusa-Catania in attesa del Cipe bisogna incrociare le dita,Toninelli,mentre per la Nord- Sud dovrà leggere le carte al suo rientro a Roma. L’assessore Falcone però gli ricorda che i lavori dei due lotti sulla Nicosia-Mistretta sono fermi da anni. Ha fatto bene però vorrei ricordarle e chiederle che fine ha fatto il tratto Nicosia-Leonforte-Mulinello. E’ in programma oppure è stato cancellato definitivamente? Se non risponde l’assessore regionale non penso che Toninelli andrà a vedere come stanno realmente le cose perchè in Sicilia si viene solamente per fare campagna elettorale.

    Risposta

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: