Iudica, direttore generale dell’Asp di Enna: “Vanno rafforzate le diverse strutture sanitarie dell’ospedale di Nicosia”

Condividi l'articolo su:
  •  
  •  
  •  
  •  
  • 1
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Lunedì 18 novembre il direttore generale dell’Asp di Enna, Francesco Iudica, accompagnato dal direttore sanitario, Emanuele Cassarà, ha fatto visita al Presidio Ospedaliero “Carlo Basilotta” di Nicosia, convocando una conferenza stampa per fare il punto della situazione sull’ospedale e rendere note le ultime decisioni e novità che lo riguardano. Presenti anche il sindaco di Nicosia, Luigi Bonelli, il direttore sanitario, Silvana Greco e il dottore Edoardo Leanza.

Il sindaco di Nicosia ha esordito con la novità che riguarda il servizio di elisoccorso, è intenzione di spostare l’attuale elipista da contrada Fiumetto in un territorio più vicino all’ospedale, che possa favorire e velocizzare il trasporto dei pazienti verso altre strutture. Sono incorso delle trattative con i privati proprietari dei terreni per la costruzione di una nuova pista modulare. Gli attuali gestori del servizio sarebbero interessati a finanziare il progetto tramite un “project financing” in cambio di una gestione pluriennale del servizio.

Il direttore generale Francesco Iudica ritiene che l’ospedale di Nicosia sia un polo di riferimento per l’intera zona nord della provincia, in quanto confinante anche con altre province ed è intenzione dell’Azienda sanitaria rafforzare le strutture all’interno del nosocomio.

Per quanto riguarda l’ostetricia e la ginecologia, non essendo una unità dipartimentale, è in atto una rotazione del personale tra Nicosia ed Enna per garantire i servizi ed aumentare il numero di parti all’interno dell’Azienda ospedaliera.

Per quanto riguarda gli uffici ed i servizi presenti nell’edificio del “dispensario” di via San Giovanni, saranno in parte trasferiti tra l’ospedale e l’edificio di piazza San Francesco di Paola. Tra questi c’è il consultorio che avrò a breve una nuova sede al terzo piano dell’ala est dell’ospedale. Secondo le intenzioni della direzione questo spostamento garantirebbe una maggiore privacy per gli utenti del servizio ed una migliore fruizione dei servizi. Si rafforzerebbe la sinergia con il reparto di ginecologia anche con l’utilizzo della nuova strumentazione. Soprattutto sulla garanzia della privacy degli utenti si è soffermato il direttore Iudica, secondo la sua opinione l’ingresso degli utenti direttamente in ospedale e la commistione tra diverse strutture garantirebbero l’anonimato e la maggiore fruizione del servizio.

Tra gli altri servizi in trasferimento, quello della Guardia medica che verrà spostata vicino al Pronto soccorso e la Vaccinazione che invece troverà posto presso la sede di piazza San Francesco.

La struttura del dispensario sarà a disposizione anche del Comune di Nicosia per far nascere uno sportello unico agro-silvo-pastorale che si integrerebbe con l’attuale servizio veterinario.

Tra le novità illustrate dal direttore generale, i concorsi banditi per i primari, a Nicosia quindi verranno colmati i posti rimasti vacanti per i dirigenti medici nei reparti di Ortopedia e Unità coronarica. Verrà inoltre assunto un fisiatra per il reparto di Ortopedia.

Per la Radiologia sono attualmente in servizio quattro tecnici, uno andrà a breve in malattia, per coprire i turni dalle 8 alle 14 e garantire le urgenze, le emergenze ed il blocco operatorio giungeranno da Enna altri tecnici. Rimarranno scoperti per la reperibilità solo 17 turni su 35, l’Azienda ha intenzione di coprirli con i progetti obiettivo in attesa che vengano banditi i nuovi concorsi per le assunzioni.

In tempi brevi aprirà a Nicosia entro i 2020 la Terapia intensiva post ospedaliera (T.I.P.O.) con quattro postazioni, si tratta del primo passo per la rianimazione. Questo reparto verrà istituito al terzo piano dell’ospedale nell’ex cardiologia, in attesa che vengano espletate le gare per l’acquisto delle attrezzature necessarie per questo nuovo servizio ospedaliero.

Sul piano dei finanziamenti per l’adeguamento del Basilotta arriveranno dalla Regione 9.300.000 euro, una parte di questo finanziamento verrà utilizzato per l’Unità coronarica di cardiologia e per la Terapia intensiva post ospedaliera. In aggiunta a questa cifra sono stati stanziati 2,450.000 euro per l’emodinamica.  Sono in corso diverse riunioni per assegnare queste cifre anche per altre esigenze che rafforzino i diversi reparti dell’ospedale di Nicosia, tra le diverse proposte in campo l’acquisto per la Radiologia di nuove apparecchiature, tra cui la risonanza magnetica.

 


Condividi l'articolo su:
  •  
  •  
  •  
  •  
  • 1
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Sergio Leonardi

Sergio Leonardi è un giornalista nato a Messina. Laureato nel 1992 in Economia e Commercio. Con la passione per la statistica, informatica, storia, sport e politica. Tra i fondatori di telenicosia.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: