La Uil-Fpl di Enna sollecita una risposta della direzione generale dell’Asp 4

Condividi l'articolo su:
  •  
  •  
  •  
  •  
  • 1
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Che la sanità ad Enna sia fortemente penalizzata e penalizzante per l’utente, crediamo non ci sia dubbio alcuno. Leggere poi affermazioni infantili e di scarso contenuto politico-sanitario, come “non si conoscono le tabelline!!”, significa non volere affrontare i tanti problemi che affliggono l’Asp.

Ad di là dei tecnicismi che conoscono solo gli addetti ai lavori, quello che ci preme sottolineare, ancora una volta, e speriamo l’ultima, è capire come sia stato possibile, a nostro giudizio, conferire un incarico di Sostituto di  Direttore di Struttura Complessa della Farmacia Ospedaliera Umberto I in violazione del Contratto e del Regolamento Aziendale adottato in sede di contrattazione collettiva integrativa.

Ma non è solo questo l’aspetto sul quale continuiamo ormai da mesi a puntare il dito. Quello che ci sembra epidermicamente fastidioso è l’atteggiamento del Direttore Generale che continua imperterrito a non rispondere alle nostre sollecitazioni scritte e orali, vedi per esempio  le note del 13 marzo e del 17 luglio della UIL e non ultimo anche dell’Assessorato alla Salute.

Siamo sempre più convinti che il “nostro” sindacato è e resta libero da ogni condizionamento e, quindi, di conseguenza, in grado di dire e spiegare le nostre posizioni in qualunque tavolo, senza dovere abbassare mai lo sguardo.

L’atteggiamento irritante del Direttore Generale, ma questo probabilmente fa parte del suo carattere, fa sì che la sua “azione” all’interno dell’Asp crea giornalmente dissapori e incomprensioni tali da motivare scarsamente il personale.

Non ci sono “Primi Della Classe”, non ci sono “I più Bravi”, non ci sono persone di serie A e persone di serie B. L’Asp deve per forza essere una grande e solidale Azienda sanitaria che deve prima di tutto pensare al “Diritto alla Salute”.

Giammai consentiremo, invece, che si sprechino enormi risorse finanziarie per quanti, tra medici, dirigenti e quant’altro, godono già di lauti stipendi.

Ci piace chiudere con questa osservazione:

Per quanto riguarda la nomina di sostituto  Direttore  di Dipartimento dei Servizi, al fine di non distoglierlo dai suoi innumerevoli impegni, gli ricordiamo cosa prevede l’art.12 del CCNL/2019: “ Art. 12 Periodo di prova

  1. 1. Il dirigente assunto in servizio a tempo indeterminato a seguito di pubblico concorso è soggetto ad un periodo di prova, la cui durata è stabilita in sei mesi. Il direttore di struttura complessa è soggetto al periodo di prova previsto dall’art. 15, comma 7 ter, del D.Lgs. n. 502/1992.”

E siccome noi le cose le approfondiamo e siamo pure generosi gli riportiamo anche  i contenuti dell’ art.15 :“ 7-ter. L’incarico di direttore di struttura complessa e’ soggetto a conferma al termine di un periodo di prova di sei  mesi,  prorogabile di altri sei, a decorrere dalla data  di  nomina  a  detto  incarico, sulla base della valutazione di cui al comma 5”.  

Giuseppe AdamoSegretario Generale Uil-Fpl

 


Condividi l'articolo su:
  •  
  •  
  •  
  •  
  • 1
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

redazione

Redazione TeleNicosia.it fondata nel luglio del 2013. La testata è iscritta al Tribunale di Nicosia al n° 2/2013.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: