L’Asp di Enna ha assunto per un anno 38 operatori informatici

Condividi l'articolo su:

Conferiti ben 38 incarichi di Esperto Informatico a liberi professionisti che hanno manifestato la disponibilità all’espletamento dell’attività libero professionale ai sensi dell’art. 15 octies del D. Lgs n 502/92.

Con atto deliberativo n 755 del 5/11/2018, è stato emesso avviso pubblico per la formazione di una graduatoria per incarichi libero professionali con contratto di diritto privato a tempo determinato di Esperti Informatici da utilizzare nell’ambito di progetti obiettivo di Piano Sanitario Nazionale. L’esigenza di personale dedicato ai progetti obiettivi del PSN era stata manifestata dai referenti delle linee progettuali per l’espletamento delle attività.

Gli esperti informatici che hanno manifestato la disponibilità all’incarico sono stati inseriti nella graduatoria e oggi hanno sottoscritto con il direttore generale dell’Asp di Enna, Francesco Iudica, il contratto individuale di lavoro dalla durata di un anno dalla data della sottoscrizione.

Presteranno lavoro in diverse linee progettuali riguardanti, tra l’altro, le attività inerenti la Salute Mentale, le Cure Domiciliari, la Medicina Veterinaria, la Medicina Specialistica e il CUP, il Centro Alzheimer.

Il direttore generale, Francesco Iudica, al momento della sottoscrizione, ha dichiarato: “Una iniezione di competenza, entusiasmo, gioventù di cui avevamo fortemente bisogno. Innovazione, accelerazione dei processi, trasferimento di competenze sono i primi risultati che ci aspettiamo e che andranno a diretto beneficio dell’utenza. Ambiti strategici dell’offerta sanitaria, quali gli screening, e della nostra organizzazione, primo fra tutti il CUP, potranno, corroborati da giovani forze, affrontare meglio la domanda di salute e garantire una nostra risposta più celere e appropriata. È davvero un traguardo importante”, sottolinea il direttore generale.  Diamo lavoro a 38 giovani offrendo loro l’opportunità di restare nella nostra terra e di mettersi al suo servizio. E miglioriamo la nostra organizzazione”.

 


Condividi l'articolo su:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *