Laurea al tempo del coronavirus, il coraggio di sorridere alla vita è un atto d’amore e di riconoscenza

Condividi l'articolo su:
  •  
  •  
  •  
  •  
  • 1
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Riceviamo e divulghiamo un nuovo contributo alla nostra rubrica “Al tempo del corona“, che ci è stato spedito dalla nostra lettrice di Capizzi, Giusi Manerchia Masarà.

Come molti altri neolaurandi del periodo della quarantena,  in piena emergenza coronavirus, ha dovuto rinunziare alla proclamazione della propria laurea nell’ aula magna della propria facoltà e alla festa in presenza di amici e parenti.

Ma ormai sappiamo bene che una laurea regala comunque delle grandi emozioni, anche se proclamata nel salotto della propria casa. Ce lo raccontano i diversi contributi che riceviamo da genitori, zii e altri parenti, che nonostante la lontananza, coinvolti in videoconferenza, si emozionano moltissimo. Forse, anzi, il freddo schermo di un computer, sottolineando la lontananza e quanto si vorrebbe ma al momento non è possibile fare, regala un’amplificazione di tali emozioni.

Congratulazioni da parte della nostra redazione alla nostra lettrice per questo traguardo raggiunto!

Ecco il suo contributo:

<<Buonasera, sono Giusi Manerchia Masarà e scrivo da Capizzi (ME).

In questo periodo così particolare, sento il desiderio di condividere la gioia per aver raggiunto un traguardo tanto desiderato: la mia laurea, presso l’università degli studi di Messina in “psicologia clinica e della salute nel ciclo di vita” con votazione 110 /110 e lode.

Finalmente oggi è accaduto, nonostante la nuova modalità adottata in un periodo contrassegnato da un’epidemia che sta devastando il nostro paese.

La mia tesi si intitola “Nulla è come prima, la qualità di vita nelle pazienti oncologiche” .

Sono riconoscente più che mai all’associazione “Per te donna” di Messina, nonché alla collaborazione delle socie, che oltre al contributo fornito alla mia ricerca, s’impegnano ogni giorno nel campo della prevenzione e in progetti che coinvolgono coloro che vivono il dramma della malattia.
Sappiamo che un tumore devasta la vita di un individuo, ma sta di fatto che il coraggio di sorridere alla vita e di lottare nonostante il malessere che si vive è un atto d’amore e di riconoscenza alla vita sopratutto in questo periodo di pandemia ! >>
Ringraziamo Giusi per averci scritto e invitiamo chi voglia condividere le proprie esperienze o considerazioni legate alla quarantena a scriverci all’email direzione@telenicosia.it allegando a testo/video anche due fotografie.
#AlTempoDelCorona
#DistantiMaUniti

 


Condividi l'articolo su:
  •  
  •  
  •  
  •  
  • 1
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: