L’azienda nicosiana “La Giusa Mobili” partecipa al progetto “Easy Covid -19”

Condividi l'articolo su:
  •  
  •  
  •  
  •  
  • 1
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Di fronte all’inaspettata emergenza dettata dalla pandemia del coronavirus, i presidi respiratori ordinari disponibili sono risultati insufficienti. In questo frangente, l’azienda Decathlon ha comunicato tramite i propri canali social di aver deciso di donare 10.000 unità di maschere da snorkeling Easybreath alle regioni italiane, responsabili della sanità pubblica.

Tali maschere riadattate, infatti, potrebbero diventare a tutti gli effetti respiratori da utilizzare negli ospedali.

Questo sarebbe possibile, però, aggiungendo un nuovo componente per il raccordo al respiratore, chiamato “valvola Charlotte“, che può essere prodotto utilizzando una stampante 3D. Il file per la realizzazione di tale raccordo in stampa 3D risulta liberamente condiviso dalla startup,  che dopo aver brevettato la valvola, per impedire eventuali speculazioni sul prezzo del componente, ha deciso che il brevetto “rimarrà ad uso libero perché (…) tutti gli ospedali in stato di necessità possano usufruirne”. Il prototipo nell’insieme è stato testato e risulta perfettamente funzionante.

All’appello che è stato rivolto a tutti i makers al fine della produzione delle valvole necessarie per convertire le maschere in respiratori ha risposto anche l’azienda nicosiana “La Giusa Mobili” che sulla sua pagina facebook ha postato il seguente messaggio:

<<Per far fronte all’emergenza che in questo periodo incombe, abbiamo deciso di abbracciare il progetto che prevede la realizzazione di una “valvola” d’emergenza per respiratori.

Crediamo che questa meravigliosa idea, condivisa da chi l’ha brevettata in maniera totalmente gratuita per dare la possibilità a chi possiede stampanti 3d di poterne realizzare diversi prototipi d’emergenza, sia davvero un grande gesto d’umanità nonché una grande iniziativa.

D’altro canto, nel nostro piccolo, noi possiamo solo mettere a disposizione le nostre stampanti 3d per la realizzazione totalmente gratuita di questi prototipi. Speriamo tuttavia che ne servano davvero pochi>>

Questo è un esempio di come il nemico invisibile comune  stia stimolando grande solidarietà.

L’umanità che continua a manifestarsi tramite  piccoli grandi gesti quotidiani aiuta tutti a sentirsi #DistantiMaUniti

#Altempodelcorona

 

 

 

 

 

 

 


Condividi l'articolo su:
  •  
  •  
  •  
  •  
  • 1
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Maria Teresa La Via

Maria Teresa La Via, giornalista nata a Nicosia, attuale direttore di TeleNicosia

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: