L’Azienda Sanitaria Provinciale di Enna ricorda il dottore Paolo Lo Giudice

Condividi l'articolo su:
  •  
  •  
  •  
  •  
  • 1
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Omaggio alla memoria del dottore Paolo Lo Giudice, già primario e fondatore del reparto di Ortopedia e Traumatologia dell’Ospedale Umberto I, nella mattina di martedì 3 novembre, presso il presidio ospedaliero ennese.

Presenti i familiari, il figlio dottore Santi, e il giovane nipote che hanno assistito ai due momenti commemorativi, la presentazione della biblioteca personale offerta all’Azienda e l’intitolazione dell’aula studio del reparto di Ortopedia, da oggi Aula Studio Paolo Lo Giudice.

L’evento ha visto la partecipazione del direttore generale, Francesco Iudica, del direttore sanitario, Emanuele Cassarà, del direttore del Presidio ospedaliero, Angela Maria Montalbano, del Responsabile dell’Uoc di Ortopedia, Arcangelo Russo, dello specialista ortopedico Giuseppe Fanzone e dell’ex primario, ora in pensione, Mario Campisi.

E il dottore Campisi, che sostituì il dottore Lo Giudice nell’anno 2000, ha tratteggiato la grande professionalità e umanità del dottore Paolo, che svolse il suo lavoro da primario di ortopedia proveniente dalla chirurgia generale.

Oggi – ha affermato il dott. Arcangelo Russo – avvertiamo, come equipe specialistica, la responsabilità di testimoniare l’esempio offerto dal dott. Lo Giudice”.

Il direttore generale, Francesco Iudica, nell’evidenziare i valori insiti nella storia del dottore Lo Giudice come uomo e medico, ha sottolineato come siano importanti, nel sistema salute ora più che mai, il senso dell’appartenenza, il sentimento della gratitudine e la capacità di trasmettere agli altri la conoscenza.  “Ci auguriamo di essere degni custodi del patrimonio di esperienze e grande cultura del dott. Lo Giudice“.

 


Condividi l'articolo su:
  •  
  •  
  •  
  •  
  • 1
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

redazione

Redazione TeleNicosia.it fondata nel luglio del 2013. La testata è iscritta al Tribunale di Nicosia al n° 2/2013.