Le dichiarazioni del sindaco di Enna per la Giornata internazionale dello sport per lo sviluppo e la pace

Condividi l'articolo su:

Si celebra oggi 6 aprile la “Giornata internazionale dello sport per lo sviluppo e la pace”. L’Assemblea Generale delle Nazioni Unite ha scelto di dedicare l’intera giornata del 6 aprile alla bellezza della disciplina sportiva, non solo come strumento di allenamento, ma come veicolo di sviluppo collettivo e di pace tra individui anche molto diversi tra loro. Esercizio fisico non solo pensato per il semplice benessere e per una forma salutare, ma come vero e proprio veicolo di sviluppo per vecchie e nuove generazioni, così come simbolo di pace e tolleranza tra individui con usi, costumi ed esigenze anche molto diverse tra loro. Perché lo sport è crescita del singolo ma anche avanzamento e progresso reciproco di tutta la collettività.

L’ONU, con questa commemorazione, riconosce il potere dello sport nel guidare il cambiamento sociale, lo sviluppo della comunità e promuovere la pace e la comprensione. Lo sport, dunque, come strumento di pace e come legame tra i popoli. Viene celebrata ogni anno in tutto il mondo, in memoria della data di inizio dei primi Giochi Olimpici dell’era moderna del 1896 tenutisi il 6 aprile ad Atene.

Lo sport è un potente strumento sociale, capace di promuovere l’integrazione sociale e lo sviluppo economico in contesti geografici, culturali e politici diversi; diffondere ideali e valori fondamentali come pace, fraternità, solidarietà, non violenza, tolleranza e giustizia, soprattutto in un momento tragico come quello attuale, con l’Europa che è nuovamente protagonista di tragici eventi bellici e guerre”.

La Città di Enna pone una forte attenzione alle politiche dello sport, con un lavoro costante portato avanti dalla mia Amministrazione, di ristrutturazione, riadeguamento e potenziamento di palestre, impianti sportivi e strutture”. Lo afferma il sindaco di Enna, Maurizio Dipietro,

 

 


Condividi l'articolo su: