Leonforte, il consigliere comunale Angelo Leonforte presenta un’interrogazione sul rimborso spese per il trasporto degli studenti pendolari

Condividi l'articolo su:
  •  
  •  
  •  
  •  
  • 1
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

ARTICOLO PUBBLICATO IL 11 Settembre 2021

Il consigliere comunale di minoranza, Angelo Leonforte, appartenente al gruppo consiliare Avanti Uniti per Leonforte, ha presentato un’interrogazione con la quale chiede all’amministrazione comunale come intende affrontare la problematica del rimborso spese del trasporto scolastico pendolare. Nella stessa interrogazione il consigliere Leonforte chiese se l’amministrazione comunale ha l’intenzione di rendere gratuito il trasporto a tutti gli studenti a prescindere delle fasce ISEE.

L’interrogazione del consigliere Leonforte nasce dall’esigenza che la problematica del trasporto studenti pendolari coinvolge gran parte delle famiglie leonfortesi.

L’avviso pubblicato sul sito istituzionale del Comune di Leonforte, secondo il consigliere di minoranza, appare come volontà dall’amministrazione comunale di applicare letteralmente le disposizioni attuative e circolari della Regione Siciliana e quindi garantire la gratuità del trasporto solo ad una fetta di studenti. Motivo per cui molte famiglie alla luce di tali provvedimenti regionali si vedranno costrette ad affrontare delle spese non indifferenti per fare studiare i propri figli.

Negli anni passati, ricorda il consigliere Angelo Leonforte, è stata sempre garantita la gratuità del servizio del trasporto scolastico pendolare, mettendo sempre in primo ordine il diritto allo studio e ricorda altresì, come altri Comuni del circondario hanno deciso di non applicare i dettami regionali e quindi di continuare a garantire un servizio di trasporto studenti pendolari completamente gratuito.

 


Condividi l'articolo su:
  •  
  •  
  •  
  •  
  • 1
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

redazione

Redazione TeleNicosia.it fondata nel luglio del 2013. La testata è iscritta al Tribunale di Nicosia al n° 2/2013.