Leonforte, il consigliere comunale Angelo Leonforte presenta un’interrogazione sull’abbattimento di dieci alberi

Condividi l'articolo su:

Il consigliere comunale Angelo Leonforte del gruppo consiliare di minoranza “Avanti Uniti per Leonforte”, ha presentato a fine febbraio un’interrogazione diretta al sindaco Carmelo Barbera, attraverso la quale chiede chiarimenti in merito all’ordinanza n. 4 del 19 febbraio 2019, con la quale si ordinava l’abbattimento di dieci alberi pericolanti.

Dopo l’ordinanza del sindaco Barbera, sono giunte parecchie segnalazioni di cittadini preoccupati per l’abbattimento degli alberi. Questa ordinanza fa riferimento a richieste di alcuni soggetti che potrebbero essere portatori di interesse privato a fronte del pubblico interesse, creando grave nocumento all’ambiente che appartiene a tutti. Inoltre, il patrimonio arboreo in ambito urbano subirebbe un notevole ridimensionamento in termini quantitativi e qualitativi ed un eventuale sostituzione e rimpiazzo effettivo con altre piante di specie simile richiederà qualche decennio.

Dichiara il consigliere Leonforte: “Con questa interrogazione chiedo al sindaco se prima dell’abbattimento abbia valutato altre ipotesi di messa in sicurezza dei 10 alberi oggetto di ordinanza di abbattimento, considerata l’importanza degli stessi per l’ambiente visto che sul territorio urbano Leonfortese ne abbiamo pochi soprattutto vicino alle scuole dove le piante hanno la funzione di filtri naturali che permettono ai nostri figli di respirare aria pulita.

Molti alberi che dovrebbero essere abbattuti si trovano vicino a plessi scolastici come quelli situati in via del Cento Comuni vicino al plesso scolastico di via Lombardia dove si trova la scuola materna del 1° circolo didattico. – conclude il consigliere –

Chiedo al Sindaco di mostrare sensibilità su questo tema e di dare una risposta alla mia interrogazione e quindi un confronto in Consiglio Comunale prima dell’abbattimento degli alberi per capire se ci sono altre soluzioni da valutare”.

 


Condividi l'articolo su:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *