Lombardia zona rossa, Tar rinvia decisione su ricorso  

Condividi l'articolo su:
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  


Rinvio a lunedì per valutare i nuovi dati sull’emergenza, ora cruciali per la decisione

alternate text
Fotogramma
(Adnkronos)

Lombardia zona rossa, slitta il verdetto sul ricorso. Il giudice del Tar del Lazio, chiamato a decidere sul ricorso della Regione in merito alla contestata zona rossa, ha infatti disposto un rinvio a lunedì per valutare i nuovi dati sull’emergenza sanitaria. Lo si apprende da fonti legali.


Leggi anche
  • Lombardia zona rossa, Fontana: “Ingiusto e penalizzante”

La decisione è stata presa al termine della breve udienza con cui la Regione Lombardia, rappresentata dall’avvocato Federico Freni, chiedeva alla presidenza del Consiglio dei ministri, al Ministero della Salute e all’Istituto superiore di sanità di rivedere l’ultima decisione assunta nei confronti della Lombardia inserita nella fascia ‘rossa’, quindi sottoposta a maggiori divieti per l’emergenza coronavirus. L’avvocato della Regione Lombardia “consapevole che la mera sospensione cautelare dell’efficacia del provvedimento impugnato creerebbe un vuoto regolamentare” del tutto “incompatibile con l’emergenza epidemiologica in atto” chiedeva al collegio di valutare – nel contraddittorio delle parti – “l’effettiva correttezza dei dati utilizzati”. In questo senso il provvedimento cautelare “non causerebbe un vuoto nell’ordinamento ma costituirebbe uno stimolo per l’amministrazione intimata a rivedere il proprio giudizio, eventualmente implementando i dati e le informazioni a sua disposizione, orientando la propria azione ai principi che codesto giudice vorrà indicargli”, si legge nel ricorso. I nuovi dati saranno a questo punto cruciali per la decisione che dovrà prendere il Tar.



Source link


Condividi l'articolo su:
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

redazione

Redazione TeleNicosia.it fondata nel luglio del 2013. La testata è iscritta al Tribunale di Nicosia al n° 2/2013.