L’Università Kore di Enna prende parte alla Settimana Europea per la Riduzione dei Rifiuti 2020

Condividi l'articolo su:
  •  
  •  
  •  
  •  
  • 1
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

L’Università “Kore” di Enna prende parte alla SERR (Settimana Europea per la Riduzione dei Rifiuti) 2020. Infatti, nell’ambito dell’insegnamento di “Didattica delle Scienze” del corso di laurea in Scienze della Formazione Primaria, è stata trattata, tramite la didattica a distanza, la problematica dei “rifiuti invisibili”, focus tematico della presente edizione della SERR; ciò al fine di contribuire a fornire agli studenti gli strumenti di base per comprendere gli aspetti scientifici e normativi correlati a questi rifiuti, generati durante il processo di fabbricazione e distribuzione di ogni prodotto, e a permettere loro di acquisire una visione sistemica e, quindi interconnessa, dei relativi risvolti ambientali. Altresì, agli studenti sono stati forniti dei tool, utili per la progettazione e la conduzione di percorsi didattici destinati alla scuola dell’infanzia e a quella primaria, relativi alla tematica della gestione dei rifiuti con l’obiettivo di concorrere ad educare gli scolari alla consapevolezza che ogni nostra azione e scelta ha un costo anche ambientale, per cui risulta indispensabile orientarsi ad un uso critico, responsabile e sostenibile delle risorse naturali e, in senso più lato,  dell’ambiente tutto.

La SERR, nata nel 2009 nell’ambito del programma LIFE+ della Commissione Europea, è una chiamata all’azione con l’obiettivo primario di sensibilizzare tutti (Istituzioni, consumatori e gli altri stakeholder) sulla sostenibilità e sulla corretta gestione dei rifiuti affinché ci si possa orientare verso una riduzione della propria impronta ambientale” ha dichiarato Rosa Termine, biologa della Kore.

 


Condividi l'articolo su:
  •  
  •  
  •  
  •  
  • 1
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

redazione

Redazione TeleNicosia.it fondata nel luglio del 2013. La testata è iscritta al Tribunale di Nicosia al n° 2/2013.