Milano recupera e chiude in positivo, Ftse Mib +1,05%

Condividi l'articolo su:
  •  
  •  
  •  
  •  
  • 1
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  


Milano recupera e chiude in positivo


L’avvio positivo dei listini statunitensi permette a Piazza Affari, e alle altre borse europee, di terminare la seduta con il segno più. Dopo una mattinata contrastata, l’umore degli operatori del Vecchio continente è decisamente migliorato a seguito dell’avvio di contrattazioni sulla piazza finanziaria newyorkese, che tra qualche ora si troverà a fare i conti con la pubblicazione dei verbali dell’ultima riunione del Fomc, il braccio operativo della Federal Reserve.


A Milano, dove il Ftse Mib ha terminato a 17.213,11 punti (+1,05%), spiccano le performance messe a segno da Diasorin (+5,58%), Amplifon (+4,97%) e Recordati (+1,69%). Giornata decisamente positiva anche per Enel (+3,56%) che oggi ha confermato che Open Fiber rafforzerà il proprio capitale per accelerare lo sviluppo della rete in fibra ultraveloce.



Forte recupero anche per i big del comparto bancario con UniCredit che ha terminato con un +0,6%, Intesa Sanpaolo che ha segnato un +0,57% e Mediobanca che ha terminato con un +0,27%. In rosso invece l’accoppiata formata da Banco BPM (-0,42%) e BPER (-1,73%).


Ancora vendite su Telecom Italia che, dopo il -8,63% di ieri, oggi ha terminato con un -7,86%. Dopo le indicazioni negative emerse dalla trimestrale, rilevano gli analisti di Banca IMI, “vediamo il business sottostante ancora sotto pressione nei prossimi mesi”. Lettera anche su Fiat Chrysler (-1,59%) in scia dei rumor sulla possibilità che il maxi dividendo da 5,5 miliardi possa essere spostato al 2021.


Sul fronte obbligazionario lo spread con i titoli tedeschi non ha fatto registrare variazioni di rilievo a 212 punti base mentre tra le commodity spicca il balzo registrato dal petrolio statunitense, il WTI, a 33,1 dollari, +3,7% rispetto al dato precedente. A spingere il benchmark a stelle e strisce è stato l’aggiornamento settimanale sull’andamento delle scorte di petrolio della prima economia, scese nell’ultima settimana (al secondo calo dopo quindici segni più consecutivi) di ben 5 milioni di barili. (in collaborazione con money.it)

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Adnkronos.



[themoneytizer id="16037-28"] [themoneytizer id="16037-16"]


Condividi l'articolo su:
  •  
  •  
  •  
  •  
  • 1
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

redazione

Redazione TeleNicosia.it fondata nel luglio del 2013. La testata è iscritta al Tribunale di Nicosia al n° 2/2013.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: