Nasce in provincia di Enna “Nostra” il comitato giovanile per il NO al referendum per il taglio del numero dei parlamentari

Condividi l'articolo su:
  •  
  •  
  •  
  •  
  • 1
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Pubblichiamo il comunicato firmato dal coordinatore provinciale Luigi Sotera e dal responsabile comunicazione Gabriele Bonarrigo del comitato “Nostra” per il No al referendum sul taglio del numero parlamentari.

Una consistente fetta del mondo giovanile (e non), dell’associazionismo e dei partiti provinciali hanno deciso di mobilitarsi ed esercitare finalmente questa tanta agognata politica attiva di cui sempre meno si sente parlare.

Crediamo fortemente che il referendum confermativo del 20 e 21 settembre c.a. sia un espediente di impianto totalmente demagogico e populista. Questa convinzione è accentuata dal poco peso che si sta dando ad un tale avvenimento in ambito mediatico, e dall’accorpamento della votazione referendaria con le altre elezioni regionali ed amministrative, sminuendone l’importanza.

Crediamo che la chiave per costruire una società più giusta ed egualitaria sia il coinvolgimento dei giovani nel mondo della politica, che sempre più si mostrano disinteressati o sfiduciati da un sistema che di rado rappresenta le esigenze del popolo, e che quindi va riformato, non smantellato.

Ecco le nostre ragioni a sostegno del NO:

  • La riforma provocherà una degenerazione del sistema istituzionale, determinando molta meno rappresentanza per le regioni meno vaste. Senza un adeguato sistema elettorale regioni come la Basilicata eleggerebbero in proporzione molti meno senatori rispetto alla Lombardia.
  • La democrazia è per antonomasia il sistema del dialogo, del confronto e dell’inclusione. Pensare di barattarne la qualità con un risparmio del tutto irrilevante (0,007% della spesa pubblica nazionale, 0,90 centesimi all’anno per cittadino) ci mostra chiaramente la superficialità della linea politica sovranista e populista.
  • Se l’intento fosse stato quello di colpire una casta, sarebbe stato molto più efficace ridurne i benefici (rimborsi spesa, stipendi ecc…), non il numero dei beneficiari, perché così facendo si ha un risultato controproducente, che fa sì che meno gente eserciti molto più potere.
  • Tutto ciò genererà un’accentuazione del carattere oligarchico delle nostre istituzioni, a danno delle minoranze e degli enti territoriali. Ritenere che meno parlamentari voglia dire meno discussione e quindi tempi più brevi dimostra una visione preoccupante di democrazia che danneggia le esigenze dei singoli.

Inoltre, poiché in questo referendum non è previsto un quorum, cioè un numero di votati minimi per validarne il risultato, astenersi non avrebbe alcun significato.

E’ necessario attuare una modifica della legge elettorale, partendo dal voto di preferenza, per dare maggiore rappresentanza ai territori e creare un filo conduttore tra rappresentato e rappresentante. L’obbiettivo principale del comitato è quello di diffondere la cultura della democrazia e delle istituzioni contrastando le loro degenerazioni. Opponendosi, dunque, alla riduzione dei parlamentari ma allo stesso tempo rifiutando la difesa dello status quo: riformare le istituzioni è essenziale per salvare la democrazia italiana”

 


Condividi l'articolo su:
  •  
  •  
  •  
  •  
  • 1
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

redazione

Redazione TeleNicosia.it fondata nel luglio del 2013. La testata è iscritta al Tribunale di Nicosia al n° 2/2013.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: