Nei prossimi giorni stabiliti due appuntamenti per la riapertura del Tribunale di Nicosia

Condividi l'articolo su:

Non si ferma l’attività del Comitato per la Riapertura sperimentale del Tribunale di Nicosia, di concerto con le istituzioni e con gli altri comitati sorti in Sicilia e nel resto d’Italia.

Sono due gli appuntamenti che nei prossimi giorni potrebbero dare una svolta decisiva a questa vicenda. Nel primo pomeriggio di giovedì 21 giugno a Palermo è previsto un incontro con l’assessore regionale alle Autonomie locali Bernadette Grasso, alla quale il comitato consegnerò la bozza di convenzione redatta dal comitato tecnico. Inoltre verrà richiesto di accelerare i tempi per la firma della convenzione con il Ministro della Giustizia.

Nella mattina del 6 luglio è stato organizzato un incontro a Roma presso la sede del Consiglio Nazionale Forense, in via del Governo Vecchio 3, dei comitati e delle realtà dei trenta Tribunali soppressi per la costituzione del Coordinamento Nazionale e per richiedere l’incontro con il nuovo Ministro della Giustizia Alfonso Bonafede.

Palermo e Roma diventano due crocevia fondamentali per una riapertura di un presidio di giustizia nel territorio, divenuta negli ultimi mesi non più un sogno o una speranza, ma una realtà tangibile.

Appare ottimista l’avvocato Piergiacomo La Via: “L’obiettivo é intanto la immediata riapertura in via sperimentale dei tre Tribunali siciliani, che – se tutto va bene – potrebbe avvenire anche in autunno. E poi insistere, esercitando le opportune democratiche pressioni, perché il Governo Nazionale riapra tutti e trenta i Tribunali soppressi, in linea con quanto previsto  nel contratto di governo” .

 


Condividi l'articolo su:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *