Nicosia, dal 24 al 26 ottobre si terrà la terza edizione del Festival della Teologia dal tema “Cibo, sapienza del vivere”

Condividi l'articolo su:

La terza edizione del Festival della Teologia si svolgerà principalmente a Nicosia dal 24 al 25 ottobre, con il patrocinio della Diocesi e del Comune di Nicosia, in collaborazione con i club service Fidapa, Kiwanis, e Rotary, l’Uciim, la Confcommercio e Stock Family.

Quest’anno il tema scelto dagli organizzatori è “Cibo, sapienza del vivere”, l’obiettivo è, infatti, cogliere il valore simbolico del cibo, visto non solo come qualcosa che ci guadagniamo, ma anche come dono. Cibo inteso non solo come nutrimento del corpo, ma anche come esperienza spirituale.

Come ogni anno il festival della Teologia intende portare il discorso teologico non solo nei luoghi sacri, ma anche nelle piazze, nelle scuole, nei luoghi laici e nella strada. Vuole essere una festa diffusa, rivolta a tutti, nell’ottica dell’accoglienza e dell’inclusione. Si tratta di una kermesse ricca di momenti spirituali e culturali, con interventi di relatori di prestigio, performance artistiche, cineforum e una notte di cammino incontro all’aurora.

Il festival ha giù avuto un’anteprima con la proiezione del film “Amore, cucina e curry”, un cineforum che si è tenuto il 22 ottobre presso la sala San Filippo Neri ed animato dal regista Francesco Russo.

L’apertura del festival avverrà il 24 ottobre alle 19 presso l’androne del palazzo comunale di Nicosia con “Cibo, festa dei Popoli”, un percorso tematico tra musica, danza, letture, parole e cibo a cura di Mariangela Di Pasquale, Gharbiyeh Mutasem, Mario Montesano, Elisabetta Grasso, Stefania Catania, Tiziano Burrafato e Henda Tlili. Tra gli interventi da segnalare quello della teologa Marina Marcolini, la relazione di Stefania Mancini Alaimo, segretaria regionale Slow Food, che parlerà del cibo buono pulito e giusto. La serata si concluderà con la degustazione di cibi etnici.

La mattina del 25 ottobre il festival farà tappa a Regalbuto per incontrare gli studenti dell’Istituto superiore Citelli, relazioneranno la teologa Marina Marcolini sul tema “Nutrire la vita” e Michele Li Pira sull’argomento “Siamo quello che mangiamo ?”. Nel pomeriggio alle 18.15 a Nicosia presso la chiesa di San Biagio si terrà il convegno sul tema “Cibo, sapienza del vivere”, con gli interventi del vescovo della Diocesi di Nicosia, Salvatore Muratore, del sindaco Luigi Bonelli, dell’organizzatrice dell’evento Rita Scinardi, con i relatori Ermes Ronchi, Marina Marcolini e Michele Li Pira. Con gli intermezzi musicali curati dai maestri Salvatore Lo Votrico ed Enza Ferrara. Alle 20,15 in piazza Garibaldi si terrà l’evento “Cibo è arte” con gli intagli e le decorazioni dello chef Gianni Di Gregorio. La serata si concluderà con la degustazione di prodotti locali.

A Centuripe la mattina di sabato 26 ottobre alle ore 10, presso i locali della Chiesa Madre, si svolgerà il convegno che si è tenuto il giorno prima a Nicosia, “Cibo, sapienza del vivere”, con gli interventi dei relatori Ermes Ronchi, Marina Marcolini e Michele Li Pira, l’incontro sarà moderato da Pippo Castiglione.

Il Festival si concluderà nella notte tra il 26 ed il 27 ottobre con il “Cammino Notturno Diocesano”, dal Santuario diocesano della Lavina di Cerami, al Santuario del Carmine di Nicosia, con accoglienza dei partecipanti all’alba. Al cammino parteciperà il vescovo Salvatore Muratore.

 


Condividi l'articolo su:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *