Nicosia, finanziati dalla Regione con 700 mila euro i lavori di manutenzione e restauro del palazzo comunale

Condividi l'articolo su:

Il 29 maggio l’assessorato regionale alla Infrastruttura ha trasmesso al Comun di Nicosia il decreto di ammissione al finanziamento dei lavori di manutenzione straordinaria e di restauro del palazzo comunale, per un importo complessivo di 700 mila euro.

Questi fondi provengono da assegnazioni dello Stato alla Regione Siciliana per progetti di riqualificazione urbana, finanziati con il Fondo di Sviluppo e Coesione 2014-2020 e sono finalizzati al miglioramento della qualità della vita ed allo sviluppo sostenibile dei Comuni della Regione.

La ripartizione dei fondi per il mezzogiorno d’Italia era avvenuto nell’agosto del 2016 con una delibera del Cipe. Successivamente nel settembre dello stesso fu sottoscritto un piano per lo sviluppo della Sicilia tra il presidente del consiglio Matteo Renzi ed il presidente della Regione Rosario Crocetta, per attuare gli interventi prioritari ed individuare aree d’intervento strategiche per il territorio, finalizzato allo sviluppo economico, produttivo ed occupazionale, alla sostenibilità ambientale ed alla sicurezza del territorio.

Nel mese di settembre 2018 la giunta regionale aveva approvato un elenco di lavori ed interventi tra cui rientrava anche questo finanziamento da 700 mila euro per il Comune di Nicosia. Il progetto esecutivo riguardante la manutenzione ed il restauro del palazzo comunale era stato redatto dall’ufficio tecnico comunale nel luglio del 2015.

Il decreto dirigenziale autorizza il Comune di Nicosia a procedere per la pubblicazione del bando di  gara per l’aggiudicazione dei lavori all’impresa aggiudicataria entro 180 giorni dalla notifica del decreto, il termine fissato è perentorio per non perdere il finanziamento.

Questo è il secondo finanziamento che giunge a Nicosia grazie al piano per lo sviluppo della Sicilia, meglio conosciuto come Patto per il Sud. Nel 2016 furono tre i progetti inseriti nell’elenco, 800 mila sono sta già stati finanziati per la ristrutturazione della chiesa di San Michele Arcangelo, la gara è in fase di assegnazione ed entro l’estate dovrebbero iniziare i lavori. Altri 400 mila euro furono richiesti per il progetto artistico di multi visione architetturale multi schermo, per la ricostruzione virtuale del soffitto ligneo della cattedrale di Nicosia, redatto dalla Soprintendenza di Enna ed avallato dalla curia di Nicosia.

 


Condividi l'articolo su:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *