Nicosia, finanziato dal ministero delle Infrastrutture il recupero di tre edifici comunali

Condividi l'articolo su:
  •  
  •  
  •  
  •  
  • 1
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Saranno finanziati con fondi del ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti, i lavori per il recupero, la messa in sicurezza e l’adeguamento sismico di tre edifici di proprietà comunale.

L’amministrazione comunale con la delibera di giunta del 29 agosto 2019 aveva avviato l’iter per la messa in sicurezza di tre immobili di proprietà comunale al fine di continuare a garantire il “godimento pubblico”.

Il 20 giugno 2019 era stato emanato dal ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti un decreto direttoriale che disciplinava le modalità e i termini di accesso ai benefici del decreto Mit 46/2019. L’articolo 1 comma 2 di questo decreto prevede che le risorse messe a disposizione del ministero “sono assegnate agli enti locali per la redazione di progetti di fattibilità tecnica ed economica e dei progetti definiti relativi alla messa in sicurezza degli edifici e delle strutture pubbliche di esclusiva proprietà dell’Ente e con destinazione d’uso pubblico con priorità agli edifici e alle strutture scolastiche, inseriti nella programmazione dell’Ente”. Il ministero co-finanzia l’80% dell’importo complessivo della progettazione.

Con la delibera di giunta l’amministrazione comunale di Nicosia aveva individuato tre edifici (numero massimo individuabile da ciascun ente locale) di maggiore interesse pubblico da adeguare alla vigente normativa sismica, per i quali fu presentata la domanda al Ministero per ottenere il relativo finanziamento.

Gli edifici individuati sono l’ex asilo nido ubicato tra la via Nazionale e la via San Giovanni e attualmente, a causa della inidoneità strutturale, non utilizzato, importo dei lavori 66.757 euro, finanziamento statale di 53.405 euro; la sede dell’ex Tribunale di Nicosia in via senatore Romano, importo dei lavori 50.366 euro, finanziamento statale di 40.292 euro; l’immobile ubicato in via Fratelli Testa sottostante la piazzetta Veutro, ex sede del Partito socialista, importo dei lavori 39.449 euro, finanziamento statale di 31.559 euro.

Per l’edificio sede dell’ex Tribunale di Nicosia sarà necessario procedere ad uno studio di fattibilità con connesse verifiche per determinare il livello di sicurezza ai fini sismici definito dal suo indice di vulnerabilità e programmare eventuali adeguamenti strutturali alla vigente normativa sismica; per l’edifico precedentemente adibito ad asilo nido e per quello ubicato in via Fratelli Testa, sarà necessario procedere alla redazione di progetti definitivi che prevedono interventi di adeguamento sismico e la conseguente messa in sicurezza per il loro pieno godimento e uso pubblico per inserirli in eventuali finanziamenti futuri.

Questi progetti per l’adeguamento sismico dei tre edifici pubblici furono inseriti nel piano triennale delle opere pubbliche 2019-2021, approvato il 7 agosto 2019.

 


Condividi l'articolo su:
  •  
  •  
  •  
  •  
  • 1
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Sergio Leonardi

Sergio Leonardi è un giornalista nato a Messina. Laureato nel 1992 in Economia e Commercio. Con la passione per la statistica, informatica, storia, sport e politica. Tra i fondatori di telenicosia.it

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: