Nicosia, il sindaco Luigi Bonelli annuncia meno tasse ed agevolazioni per i commercianti

Condividi l'articolo su:
  •  
  •  
  •  
  •  
  • 1
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Con la pubblicazione del Dup 2020 e dello schema di bilancio di previsione triennale 2019-2021 l’amministrazione comunale di Nicosia ha reso noto le sue proposte in tema di entrate e di spesa. Abbiamo incontrato il sindaco Luigi Bonelli e l’assessore al bilancio e vice sindaco Annamaria Gemmellaro per chiarirci alcuni aspetti che riguardano il bilancio, assimilabile oggi ad una vera e propria manovra finanziaria che riguarda e interessa soprattutto le tasche dei cittadini nicosiani.

Il recupero dell’evasione fiscale e dell’elusione, è uno dei temi principali sui quali lavoreremo in questi mesi. – afferma l’assessore Gemmellaro – La Corte dei Conti ed anche il collegio dei revisori ci hanno diffidato ed indicato la strada per un recupero dell’evasione sulle imposte comunali che gravano sui cittadini onesti e sul bilancio comunale. Quando un’entrata prevista in bilancio non viene rispettata il Comune anticipa queste somme evase e le sottrae dalle risorse comuni come l’avanzo di bilancio. Per questo motivo con la delibera di giunta 124 del 24 luglio 2020 abbiamo approvato dei provvedimenti ed indirizzi per l’ufficio tributi. Gli uffici dovranno emanare entro il corrente anno tutti gli atti accertabili nel 2020 (annualità dal 2015 al 2019) non ancora emanate con appositi atti di accertamento, in particolare la Tasi per gli anni 2015, 2016 e l’Imu 2016, entro il 31 dicembre 2020, mentre gli anni 2017, 2018 e 2019 entro il mese di giugno 2021 per Tasi e Imu. Dovranno emettere bollette entro il 31 dicembre 2020 di tutto il 2019 ed anche il 2020 per recuperare la Tari ferma alla bollettazione 2018. Su richiesta del contribuente, gli uffici tributari dovranno valutare la possibilità di operare una rateizzazione dell’eventuale debito contratto. Pagare tutti per pagare meno, anche scoprendo coloro che fino ad oggi erano sconosciuti al fisco attraverso la lotta all’elusione. Questa è la strada per giungere ad un abbassamento della tasse comunali“.

Un primo abbassamento delle tasse comunali avverrà già da quest’anno. Dal punto di vista delle entrate si evince dal bilancio e dal Dup 2020 che l’aliquota della nuova Imu, ovvero la nuova imposta comunale che da quest’anno ingloba Imu e Tasi, subirà già una diminuzione. Infatti, l’aliquota Imu e Tasi per i cittadini nicosiani senza alcuna modifica doveva attestarsi nel 2020 al 9.50 per mille, quest’anno sarà abbassata al 9 per mille una rimodulazione verso il basso con la quale inizia la diminuzione delle tasse comunali.

L’emergenza coronavirus ha condizionato quest’anno le nostre scelte, per questo abbiamo preso la decisione di abbassare di mezzo punto la tassazione della nuova Imu. – afferma il sindaco Bonelli – Questa decisione è stata affiancata da altri provvedimenti. La Tosap non verrà pagata fino 31 dicembre 2020, i commercianti non pagheranno la Tari per i mesi di lockdown, ovvero marzo, aprile e maggio, quindi con una riduzione del 25% ed inoltre abbiamo previsto, sempre per questa categoria in particolare sofferenza per l’emergenza covid-19, un contributo complessivo di 250.000 euro, ovvero 500 euro per ciascun commerciante”.

Queste agevolazioni rivolte soprattutto ai commercianti sono state garantite in bilancio, oltre che dalle nuove entrate previste dalla diminuzione dell’evasione ed elusione fiscale, anche dall’avanzo di bilancio che quest’anno ammonta a 11.124.562,77 euro, di questi, circa 4 milioni garantiranno le minori entrate previste per le agevolazioni ed i contributi.

 


Condividi l'articolo su:
  •  
  •  
  •  
  •  
  • 1
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Sergio Leonardi

Sergio Leonardi è un giornalista nato a Messina. Laureato nel 1992 in Economia e Commercio. Con la passione per la statistica, informatica, storia, sport e politica. Tra i fondatori di telenicosia.it

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: