Nicosia, l’amministrazione comunale ha approvato il progetto “Comunità inclusiva” da 2 milioni di euro

Condividi l'articolo su:

Con la delibera di giunta 94 del 13 maggio 2022 l’amministrazione comunale di Nicosia ha approvato un progetto esecutivo da circa 2 milioni di euro, composto da due progetti autonomamente funzionali, il primo riguarda lavori e forniture e l’altro servizi, unificati ed integrati in un unico progetto ai fini della partecipazione ad un bando nell’ambito del PNRR.

Il primo progetto per i lavori e forniture prevede un importo di 1.030.000 euro, il secondo progetto per i servizi un importo di 969.658,57 euro, per un totale di 1.999.658,57 euro.

Con una delibera di giunta del 3 ottobre 2020, l’amministrazione comunale aveva destinato il primo piano dell’ex palazzo di giustizia di Nicosia a sede della nuova Biblioteca Comunale e del Polo Culturale, con l’intento di offrire alla città un servizio socio-culturale. L’amministrazione comunale aveva dato incarico all’ufficio tecnico comunale di predisporre un apposito progetto per rendere questi più funzionali per la destinazione della nuova biblioteca, anche con l’acquisto dei beni strumentali necessari ad arredare i locali secondo gli standard.

Il progetto esecutivo approvato di recente servirà per partecipare all’avviso pubblico per la presentazione di proposte di intervento per servizi e infrastrutture sociali di comunità da finanziare nell’ambito del PNRR, Missione n. 5 “Inclusione e Coesione” del Piano nazionale ripresa e resilienza (PNRR), Componente 3: “Interventi speciali per la coesione territoriale”– Investimento 1: “Strategia nazionale per le aree interne – Linea di intervento 1.1.1 “Potenziamento dei servizi e delle infrastrutture sociali di comunità” finanziato dall’Unione europea con il piano Next Generation EU.

Le finalità dell’avviso pubblico è volto a promuovere soluzioni a problemi di disagio e fragilità sociale, mediante la creazione di nuovi servizi e infrastrutture sociali o per il miglioramento di quelli esistenti.

 


Condividi l'articolo su: