Nicosia, nasce un gruppo politico per dare una nuova governance e nuove prospettive alla città

Condividi l'articolo su:

Giorno 10 giugno 2019 nella saletta del bar “La Caffetteria” di Nicosia si è tenuto un incontro pubblico per trattare il seguente argomento: Nicosia: “Rischio spopolamento e isolamento viario. Necessità di un progetto di sviluppo per le future generazioni”.

L’iniziativa ha avuto un carattere esclusivamente civico, superando del tutto l’appartenenza politica di ciascun partecipante, e si è posta come obiettivo l’individuazione dei punti di forza e di criticità della nostra realtà territoriale, per tentare di proporre ai cittadini e ai diversi organismi competenti un progetto di sviluppo che possa coinvolgere e favorire soprattutto le future generazioni.

L’incontro ha visto la partecipazione di consiglieri comunali, ex amministratori locali e provinciali, giovani, donne, imprenditori, professionisti e cittadini appartenenti alle diverse attività economiche.

Dai numerosi interventi è emerso che uno dei più gravi rischi è lo spopolamento continuo della nostra città, che negli ultimi cinque anni ha visto ridurre la popolazione residente di circa mille unità, attestandosi oggi a circa 13.400 abitanti, superando la percentuale della diminuzione di residenti provinciale e regionale. Ciò è stato causato sia dal calo delle natalità, ma anche dal flusso emigratorio che ha coinvolto intere famiglie e giovani, compreso quelli in possesso di laurea o di diploma.

L’isolamento viario rappresenta un problema storico che deve essere affrontato con grande determinazione e continuità da tutti, affinché in tempi relativamente brevi si completino i lotti della Nord-Sud verso Mistretta e si decida contemporaneamente come completare questa arteria verso Mulinello e la SS 192.

Il comitato cittadino che è sorto su questo argomento è in costante contatto con i vertici del governo regionale e dell’ANAS, perché finalmente si possano raggiungere risultati positivi che favoriscano le comunicazioni con gli altri territori siciliani.

La difesa dell’Ospedale e la battaglia per la riapertura del tribunale rappresentano due punti fondamentali della piattaforma elaborata durante l’incontro, così come l’aggiornamento del PRG, ancora non avviato nonostante il Comune negli ultimi mesi abbia sperperato per incarichi circa 200 mila euro, può rappresentare un volano per il recupero e la valorizzazione del centro storico e delle bellezze del nostro paese. Con i piani di recupero dell’antica città si potrebbe dare l’opportunità di una casa a prezzi contenuti anche alle giovani coppie che decidessero di mettere su famiglia.

Una programmazione più incisiva da parte dell’ASSP, la quale finora ha solo perduto finanziamenti concessi con decreti della regione, deve puntare sulla valorizzazione dei prodotti agricoli locali e incoraggiare le iniziative imprenditoriali giovanili.

Si rende necessaria la riduzione della tassazione comunale che negli ultimi anni è diventata tra le più alte della Sicilia, gravando notevolmente sulle attività artigianali, commerciali e professionali.

Le iniziative prodotte dalle associazioni locali, che rappresentano un grande patrimonio per tutta la comunità, è necessario che vengano valorizzate su scala regionale e ciò affinché venga favorita la crescita del turismo culturale.

Gli intervenuti, considerando che fino ad oggi è mancata una capacità progettuale per attingere a finanziamenti esterni e una programmazione che abbia fatto da stimolo per lo sviluppo locale, ritengono di dover continuare la loro azione a sostegno di un progetto di sviluppo complessivo del nostro territorio.

Auspicano che in futuro il Comune possa essere amministrato da una nuova classe dirigente adeguata e capace di guardare al futuro della nostra città con spirito di sacrificio e senso del dovere a favore degli altri e, in particolare, delle nuove generazioni.

IL COMITATO PROMOTORE DELL’INCONTRO


Condividi l'articolo su:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *