Nicosia, rinviati a giudizio due uomini per calunnia aggravata nei confronti di un poliziotto della Stradale

Condividi l'articolo su:

Sono stati rinviati a giudizio, dopo la conclusione delle indagini preliminari il procuratore della Repubblica di Enna, Massimo Palmeri, due soggetti, un 31enne residente a Cerami e di un 35enne residente a Troina accusati, entrambi, di calunnia aggravata per aver incolpato un Assistente Capo della Polizia di Stato, in servizio presso il distaccamento della Stradale di Nicosia, nell’adempimento delle proprie funzioni, di reati inesistenti, pur sapendolo innocente.

I fatti risalgono al 2016 quando gli indagati, con due separati esposti a loro rispettiva firma, uno a poca distanza dell’altro, accusarono, falsamente, un Assistente Capo in forza alla stradale, sotto le direttive dall’ispettore Cosimo Greco del Distaccamento Polizia Stradale Nicosia, soprinteso dal commissario capo Giovanni Martino, comandante della Sezione Polizia Stradale Enna, di una serie di illeciti nei confronti di entrambi i ricorrenti, perpetrati nel corso di accertamenti nel bel mezzo di un posto di controllo. Accuse pretestuose, come risulterà in seguito dal decreto di archiviazione emesso dal Tribunale di Enna, ma che, inevitabilmente, diedero il via ad un’indagine finalizzata ad accertare quanto fosse successo.

L’indagine sull’agente della Squadra Mobile che la competente Procura aveva inizialmente delegato alla Polizia, per evitare contaminazioni, viene affidata anche ai Carabinieri. Intanto l’Assistente Capo viene sospeso ogni tipo di controllo sulla famiglia di entrambi, nota negli ambienti investigativi per essere dedita al malaffare. Nessuno della Stradale, per soggezione o probabilmente per via di qualche indicazione imposta da organi superiori, si permetteva più di fermare e controllare nessuno. L’obiettivo della famiglia era stato raggiunto con risultati più che soddisfacenti.

Dopo due anni di meticolose ed estenuanti indagini, di Carabinieri e Polizia, brillantemente coordinate dal procuratore della Procura di Enna Massimo Palmeri, sembrerebbe emergere un progetto criminale. Accusando e diffamando l’agente di Polizia, si legge nelle risultanze investigative, la famiglia mafiosa era riuscita in una premeditata pianificazione: quella di bloccare l’attività e l’azione di contrasto al crimine e al malaffare di un intero reparto che per 2 anni è rimasto a “guardare” e che a circa 3 mesi dalla conclusione delle indagini sul poliziotto, e dall’archiviazione degli atti relativi, non è ancora ripartito, come dimostrano i numeri riguardanti gli accertamenti e i risultati ottenuti dagli stessi, messi a confronto con i trimestri antecedenti agli esposti

A seguito di un esposto querela presentato successivamente dall’Assistente Capo offeso, a carico dei due presunti calunniatori, i quali dalle risultanze delle minuziose indagini coordinate dal Procuratore della Repubblica di Enna, Massimo Palmieri, risulterebbero responsabili di aver accusato falsamente il poliziotto in servizio, è stato richiesto il rinvio a giudizio per entrambi. La data dell’udienza preliminare è stata fissata per il 28 aprile 2020 presso il Tribunale di Enna.

articolo di Giuseppe Salerno pubblicato su NebrodiNews.it

 


Condividi l'articolo su:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *