Nicosia, si è celebrata la ‘’Giornata della Memoria’’ – VIDEO

Condividi l'articolo su:

Il Giorno della Memoria è una ricorrenza internazionale celebrata il 27 gennaio di ogni anno come giornata in commemorazione delle vittime della Shoa. È stato così designato da una risoluzione dell’Assemblea generale delle Nazioni Unite del 1º novembre 2005, durante la 42ma riunione plenaria. La risoluzione fu preceduta da una sessione speciale tenuta il 24 gennaio 2005 durante la quale l’Assemblea generale delle Nazioni Unite celebrò il sessantesimo anniversario della liberazione dei campi di concentramento nazisti e la fine dell’Olocausto.

Si è stabilito di celebrare il Giorno della Memoria ogni 27 gennaio perché in quel giorno del 1945 le truppe dell’Armata Rossa liberarono il campo di concentramento di Auschwitz.

L’Italia ha formalmente istituito la giornata commemorativa, nel medesimo giorno nel 2000, prima della corrispondente risoluzione delle Nazioni Unite.

A Nicosia, dal 2005, questo giorno viene celebrato con la presenza di tutte le scuole nicosiane di ogni ordine e grado, presenti anche i dirigenti scolastici e le autorità civili e militari di Nicosia. Quest’anno la ricorrenza cadeva di domenica e si è deciso comunque di celebrarla lunedì 28 gennaio.

Salvatore Di Fini, docente del liceo Testa, ha introdotto il tema di questa ricorrenza ovvero “La shoah dei bambini”, ricordando come furono proprio i piccoli internati nei campi di concentramento a soffrire senza alcuna colpa. Il professore Di Fini ha introdotto i diversi interventi spiegando ogni volta in modo chiaro il significato di queste scelte.

Una classe delle scuole elementari “Filippo Randazzo”, ha cantato il brano “Gam gam” una canzone scritta da Elie Botbol che riprende il quarto versetto del testo ebraico del Salmo 23. La canzone è diventata anche un simbolo, uno degli “inni” più toccanti dell’Olocausto che riguardò più di un milione e mezzo di bambini uccisi dai nazisti. Tre studenti dell’istituto superiore Fratelli Testa hanno letto brani e riflessioni. La studentessa Cristiana Pidone del Liceo Classico Fratelli Testa ha letto il brano “Correre” di Giorgia Testa Vlahov. Irene Basilotta ha letto il brano “Shoah” di Claude Lanzmann e Matteo Castrogiovanni ha letto la toccante riflessione di William Beccaro “Ad Auschwitz si va sempre a sinistra”.

All’evento è intervenuto il dirigente scolastico dell’Istituto superiore Fratelli Testa, Josè Chiavetta, che da sempre ha voluto ricordare questa giornata coinvolgendo studenti e docenti delle scuole nicosiane. Anche il sindaco di Nicosia, Luigi Bonelli, presente all’evento ha letto il famoso brano di Bertolt Brecht “Prima vennero…”.

Il luogo prescelto per le celebrazioni è in piazza Marconi, in questo luogo è stato ricordato con una targa il sacrificio di Felice Rubino un nicosiano deportato in treno nel campo di concentramento di Dachau il 22 settembre del 1943 e morto il 31 marzo del 1944.

La giornata si è conclusa con una deposizione di una corona davanti alle lapidi che ricordano questa giornata, i rappresentanti delle forze dell’ordine hanno deposto insieme al sindaco la corona ed è stato suonato il silenzio in ricordo delle vittime.

 


Condividi l'articolo su:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *