Nicosia, si è svolta al Liceo Fratelli Testa la quinta edizione della “Notte Nazionale del Liceo Classico” – FOTO & VIDEO

Condividi l'articolo su:

La Notte Nazionale del Liceo Classico, uno degli eventi più innovativi nella scuola degli ultimi anni, è giunta alla sua quinta edizione e si è svolta al Liceo Classico Fratelli Testa di Nicosia venerdì 18 gennaio.

L’evento è nato da un’idea del professore Rocco Schembra, docente di Latino e Greco presso il Liceo Classico “Gulli e Pennisi” di Acireale e sostenuta dal Ministero della Pubblica Istruzione.

Quest’anno l’evento si è celebrato venerdì 11 gennaio 2019 in 433 licei classici su tutto il territorio nazionale, ben ventisei in più rispetto all’anno scorso, un numero imparagonabile rispetto ai centocinquanta che aderirono nell’ormai lontana prima edizione. A causa del maltempo a Nicosia la kermesse è stata rinviata di una settimana.

Diverse le perfomances organizzate da docenti e studenti del liceo classico nicosiano che hanno ravvivato l’intera manifestazione, introdotta con la proiezione del brano inedito “Ti porterò a Pompei” del cantautore fiorentino Francesco Rainero.

Il tema scelto della serata su cui si sono svolti successivamente tutti i diversi eventi è ”La Trinacria, custode e divulgatrice di classicità: ‘Sicilia bedda, terra di colori, mare di cultura’”.

Sono stati letti da alcuni studenti i primi tre elaborati, classificati ex aequo, al concorso “Notte Nazionale del Liceo Classico”.

Tra le performances da segnalare la rievocazione storica dello sbarco degli anglo-americani in Sicilia nel 1943 con la famosa operazione Husky e che vide protagonista anche il nostro territorio con le battaglie di Agira e Troina. E’ stato simpaticamente rievocato il celebre incontro tra un contadino sperlinghese ed un militare americano, immortalato dal celebre fotografo Robert Capa in una foto divenuta negli anni il simbolo dello sbarco degli Alleati in Sicilia.

Alcuni alunni hanno danzato il sirtaki la celebre danza greca in ricordo del trait d’union tra gli studenti del liceo classico di Nicosia e quelli del 17mo liceo classico di Atene, protagonisti di un progetto di gemellaggio e-Twinning, conclusosi lo scorso anno nella capitale greca.

Un mini musical ha proposto in modo esilarante e divertente il celebre romanzo “I Promessi Sposi” di Alessandro Manzoni. Una rivisitazione in chiave moderna con brani conosciuti cambiando le parole in base alla scena proposta.

Il programma della lunga serata ha previsto l’intervento del dirigente scolastico dell’Istituto Superiore Fratelli Testa, Josè Chiavetta, che ha ringraziato docenti ed alunni per il lavoro svolto. Sono intervenuti alla serata il sindaco di Nicosia, Luigi Bonelli e l’assessore alla Cultura e all’Istruzione del Comune di Nicosia, Gianfranco Castrogiovanni.

Tra gli ospiti della serata il professore Vadalà, preside del liceo Fratelli Testa nei primi anni 2000, che con un monologo da lui interpretato ha voluto sottolineare l’importanza degli studi classici applicabili ancora oggi alla nostra realtà.

La serata è proseguita con altre perfomance, tra cui il ricordo del pittore Antonello da Messina, attraverso le sue opere celebri in tutto il mondo e conservate nei maggiori musei internazionali.

Un coro di studenti ha interpretato la canzone filosofica di Riccardo Dal Ferro, un filosofo social.

Altri studenti hanno declamato gli intramontabili versi di Omero e Virgilio sui due mostri Scilla e Cariddi.

Altre perfomance degli studenti liceali si sono svolte durante tutta la serata e fino alla mezzanotte: la tragedia greca “Le Supplici”, brani di opere di Shakespeare, esperimenti di chimica e fisica, Empedocle e l’Etna. Interpretati i versi del poeta inglese David Herbert Lawrence. Esibizioni in palestra di badminton, tennis tavolo e pallavolo. Interpretato a fine serata il “Lamento dell’esclusa”.

Gli studenti del liceo hanno offerto ai numerosi intervenuti un ricco buffet.

 

 


Condividi l'articolo su:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *