Nicosia, si è svolta il 31 maggio la tradizionale fiaccolata per San Felice – VIDEO

Condividi l'articolo su:

La fiaccolata è una tradizione che apre la festa liturgica in onore di San Felice da Nicosia, l’umile frate francescano che nel XVIII secolo predicò a Nicosia e dintorni nell’osservanza della regola di San Francesco D’Assisi. In questa data si ricorda la morte di San Felice avvenuta il 31 maggio 1787 all’età di 72 anni.

Il santo co-patrono di Nicosia canonizzato nel 2005 è tra i santi più amati in città, numerosi i fedeli ed i devoti all’umile santo che seguono la fiaccolata, ma anche tutti gli eventi legati alla figura di San Felice.

La fiaccolata parte dalla sua casa natale e lungo le vie del centro cittadino arriva fino al convento di Santa Maria degli Angeli. Il silenzio e le fiaccole che seguono lungo tutto questo suggestivo cammino, rendono l’atmosfera sacra e suggestiva.

Le celebrazioni proseguiranno il primo giugno con la Notte Bianca del Volontariato, che verrà inaugurata alle ore 18 presso l’androne del palazzo comunale e proseguirà con una serie di attività in diversi luoghi di Nicosia, tra cui l’esibizione dell’Ensemble Piero Vinci presso la Casa Natale di San Felice, che suonerà delle musiche dedicate al Santo, con la partecipazione dei Frati Cappuccini. Durante la giornata del donatore, i volontari si riuniranno il 2 giugno alle 16.30 presso l’orto dei Frati Cappuccini di Nicosia.

Il cuore di tutti gli eventi è il 2 giugno, previsto il classico annullo filatelico e un’intera giornata nella spianata “San Felice” presso l’orto dei Frati Cappuccini, con l’accoglienza dei pellegrini a partire dalle 9 di mattina. Alle 10 dopo i saluti del ministro provinciale Fra’ Felice Cangelosi e del sindaco di Nicosia Luigi Bonelli, sono previsti diversi interventi di uomini di chiesa e di laici, tra cui spicca la testimonianza di Costanza Miriano, giornalista, scrittrice e blogger, che alle 10.30 parlerà “Famiglia luogo di conversione”. Alle 17 verrà celebrata una messa presieduta dal vescovo della Diocesi di Nicosia, Salvatore Muratore.

 


Condividi l'articolo su:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *