Nicosia, stabilita la destinazione dei proventi delle sanzioni per violazioni al codice della strada

Condividi l'articolo su:

Con una delibera di giunta del 14 febbraio l’amministrazione comunale di Nicosia ha stabilito la destinazione dei proventi delle sanzioni pecuniarie per violazioni al codice della strada.

L’articolo 208 del nuovo codice della strada fissa i criteri per la destinazione stabilendo che i proventi sono devoluti alle regioni, province e comuni, quando le violazioni siano accertate da funzionari, ufficiali ed agenti degli enti che hanno rilevato le sanzioni. L’articolo stabilisce che una quota pari al 50% dei proventi spettanti agli enti è destinata in misura non inferiore a un quarto della quota, a interventi di sostituzione, di ammodernamento, di potenziamento, di messa a norma e di manutenzione della segnaletica delle strade di proprietà dell’ente; in misura non inferiore a un quarto della quota, al potenziamento delle attività di controllo e di accertamento delle violazioni in materia di circolazione stradale, anche attraverso l’acquisto di automezzi, mezzi e attrezzature dei corpi e dei servizi di polizia provinciale e di polizia municipale; altre finalità connesse al miglioramento della sicurezza stradale, relative alla manutenzione delle strade di proprietà dell’ente, all’installazione, all’ammodernamento, al potenziamento, alla messa a norma e alla manutenzione delle barriere e alla sistemazione del manto stradale delle medesime strade, a interventi per la sicurezza stradale a tutela degli utenti deboli, quali bambini, anziani, disabili, pedoni e ciclisti, allo svolgimento, da parte degli organi di polizia locale, nelle scuole di ogni ordine e grado, di corsi didattici finalizzati all’educazione stradale, a misure di assistenza e di previdenza per il personale  e a interventi a favore della mobilità ciclistica.

Gli enti, in questo caso il Comune di Nicosia, determinano annualmente con una delibera della giunta le quote da destinare in tutto o in parte la restante quota del 50% dei proventi ed è stato deciso che questa percentuale venga suddivisa nel seguente modo: 4% per formazione del personale, 15% sostituzione e aggiornamento beni di consumo per gestione viabilità e sosta, 40% per prestazioni di servizio (informatizzazione verbali, servizio notificazione verbali, servizio collegamento motorizzazione, servizio aggiornamento banca dati per potenziamento attività di controllo e accertamento delle violazioni), 41% acquisto segnaletica, attrezzatura, materiale per miglioramento segnaletica sicurezza stradale.

 


Condividi l'articolo su: