Non solo Cleopatra, faraoni e piramidi: l’affascinante mondo dello sport nell’Antico Egitto

Condividi l'articolo su:
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Che serva per per sfogare l’energia o tornare in forma, lo sport è oggigiorno il passatempo preferito da molti. Anche in passato, più precisamente nell’Antico Egitto, erano presenti diversi tipi di sport, sebbene il grande pubblico spesso non ne sia a conoscenza.

Il fascino dell’Antico Egitto

Quali sono le prime cose che ci vengono in mente pensando all’Antico Egitto? Sicuramente, le piramidi, i faraoni e le figure come la regina Cleopatra, tutti carichi di fascino, sono i preferiti dal pubblico e sono stati fonte di ispirazione per opere molto amate. Ciò che ci attrae di più dell’Antico Egitto infatti è la sua aura di mistero e magia, legata ad una cultura unica nel suo genere. Questi temi sono infatti stati trattati da diversi media soddisfacendo così gli interessi e i gusti di un pubblico molto vasto. Vuoi scoprire qualcosa di più sull’Antico Egitto ma non sai da dove iniziare? Se ti affascinano mummie e maledizioni, ad esempio, guarda film come La mummia del 1999, se ami il libro dei morti prova il tuo coraggio su Book of the Dead, la slot machine online ispirata al misterioso manuale funerario egizio, e se invece vuoi saperne di più sui personaggi più celebri di quest’epoca leggi la serie di romanzi di Christian Jacq.

Se è quindi facile farci venire in mente film, libri e giochi dedicati all’Antico Egitto, quando pensiamo allo sport nell’antichità la nostra attenzione si rivolge subito alle corse coi carri romane o alle Olimpiadi greche. Questo non significa che gli egizi non praticassero sport, ma che il pubblico e i media hanno dato maggiore attenzione ad altri aspetti della cultura egizia, considerati più intriganti e affascinanti.
Quali erano dunque gli sport preferiti dagli egizi? Fra tutti spunta la lotta, ma non solo.

Fonte: Unsplash

Gli sport dell’Antico Egitto

Gli sport praticati nell’Antico Egitto erano sorprendentemente ben organizzati: includevano un campo, o una pista, ben delineato, un arbitro e un set di regole deciso in precedenza. Molti di questi sport ricordavano discipline celebri ancora oggi come il canottaggio, il nuoto, il lancio del giavellotto e perfino l’hockey su prato. Lo sport più amato era la lotta, praticata sia senza armi che con bastoni e lance, tanto che immagini ritraenti più di 400 di lottatori sono state rinvenute dipinte sulle pareti di alcune tombe. La lotta aveva anche una funzione sacra, tanto che durante alcune cerimonie religiose, come racconta Erodoto, avevano luogo combattimenti a cui prendevano parte anche mille lottatori.

La lotta non è però l’unico sport a essere stato raffigurato: esisteva un geroglifico che rappresentava il nuoto e sono stati rinvenuti diversi dipinti ritraenti giochi con la palla. Erano considerati anche sport la caccia e la pesca, e veniva praticata una forma di battaglia navale che consisteva nel colpire gli avversarsi situati sulla nave nemica a colpi di remi. Lo sport era di enorme importanza dato che la cultura egizia considerava fondamentale l’esercizio fisico. Per questa ragione esistevano vere e proprie scuole in cui si allenavano sportivi professionisti; il vincitore delle gare riceveva grandi onori e premi, e a queste partecipavano anche alti funzionari e perfino il faraone stesso.

Fonte: Unsplash

Se pensando all’Antico Egitto i primi a venirci in mente sono mummie, faraoni e piramidi, non bisogna dimenticarsi anche del grande amore che gli egizi serbavano per l’esercizio fisico e per gli sport, alcuni dei quali precursori delle discipline moderne.

 

 


Condividi l'articolo su:
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

redazione

Redazione TeleNicosia.it fondata nel luglio del 2013. La testata è iscritta al Tribunale di Nicosia al n° 2/2013.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: