Operazione Nebrodi, tornano in libertà i dieci indagati arrestati il 20 febbraio

Condividi l'articolo su:
  •  
  •  
  •  
  •  
  • 1
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Il Tribunale della Libertà di Messina ha annullato la seconda ordinanza di custodia cautelare firmata dal Gip del tribunale di Messina Salvatore Mastroeni ed eseguita lo scorso 20 febbraio nell’ambito della maxi operazione antimafia “Nebrodi”, scattata lo scorso 15 gennaio. Con il secondo provvedimento del giudice dieci persone erano state nuovamente arrestate ma adesso, a seguito della decisione che ha annullato la seconda ordinanza, sono state tutte rimesse in libertà. L’operazione “bis” era stata eseguita dai carabinieri del Ros e dai finanzieri del Gico sotto il coordinamemto della Dda, la Direzione distrettuale antimafia di Messina.

Tornano liberi, quindi, il notaio Antonino Pecoraro, uno dei “colletti bianchi” dell’inchiesta e poi Sebastiano Bontempo Scavo, Andrea Caputo, Antonino Agostino Marino, Giuseppe Scinardo Tenghi, Salvatore Dell’Albani, Giuseppe Ferrera, Innocenzo Floridia, Massimo Pirriatore, Danilo Rizzo Sciacca e Giuseppe Villeggiante.

 


Condividi l'articolo su:
  •  
  •  
  •  
  •  
  • 1
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

redazione

Redazione TeleNicosia.it fondata nel luglio del 2013. La testata è iscritta al Tribunale di Nicosia al n° 2/2013.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: