Patronato Inas-Cisl di Nicosia, al via le domande per l’assegno familiare Inps per vedove o i vedovi che siano stati dichiarati inabili al lavoro

Condividi l'articolo su:
  •  
  •  
  •  
  •  
  • 1
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

L’assegno familiare Inps per vedove/i invalidi di dipendenti pubblici e privati è un importante ausilio, conosciuto da pochi ed elargito dall’Inps. Il beneficio consiste in una somma mensile, fino a 52,91 euro in più, rispetto al totale dell’intera pensione. L’ammontare del beneficio corrisponde quindi a circa 600 euro annuali.

Questo bonus è retroattivo, pertanto, si potranno richiedere anche gli arretrati per non oltre cinque anni, ovvero pari ad una somma non superiore ai 3400 euro, se il bonus non è mai stato chiesto dalla persona che ne può beneficiare.

A poter richiedere tale beneficio sono tutte le vedove o i vedovi che siano stati dichiarati inabili al lavoro.

Per essere dichiarati inabili bisogna possedere uno tra questi requisiti:

Avere una invalidità riconosciuta al 100%, essere già in possesso di una indennità di accompagnamento e aver richiesto un certificato specifico chiamato SS5. La certificazione di inabilità deve essere poi effettuata dal medico di famiglia attraverso un modello Inps apposito che si può scaricare facilmente sul sito dell’Ente di previdenza

L’importo dell’assegno può però cambiare a seconda dei livelli ISEE e limiti di reddito del beneficiario e dei membri del suo nucleo familiare.

L’importo è di 52,91 euro per redditi che non superano i 27.899,67 euro. Diminuisce fino a 19,59 euro se si ha un reddito compreso tra i 27.899,68 euro e i 31.296,62 euro. Non spetta più, qualora in possesso di 31.296,63 Euro in su.

Per presentare la domanda, ci si può recare presso gli uffici del Patronato INAS CISL Nicosia in via Luigi Venuta 1.

 


Condividi l'articolo su:
  •  
  •  
  •  
  •  
  • 1
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

redazione

Redazione TeleNicosia.it fondata nel luglio del 2013. La testata è iscritta al Tribunale di Nicosia al n° 2/2013.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: